APC
Probabile accordo Apple-EMI per la musica dei Beatles

Probabile accordo Apple-EMI per la musica dei Beatles

Apple e EMI non commentano, ma fonti interne parlano di un imminente lancio del catalogo musicale dei Beatles su iTunes. Qualche dubbio sull'efficacia economica di una mossa del genere, mentre rimane certo il valore simbolico.

Pubblicato: 16/11/2010 13:10

di: Redazione D.Life

   

Il New York Times ha da poco confermato le voci riguardanti un prossimo sbarco dell'intero catalogo dei Beatles sul mercato online di iTunes.
Apple e EMI avrebbero stipulato un accordo che permetterebbe alla società  di Steve Jobs di mettere in vendita le versioni digitali delle opere dei baronetti del rock sul suo online store musicale.
Apple tenta da 7 anni di convincere EMI a concedergli il catalogo dei Beatles, ma la casa discografica ha sempre gestito i dischi dei Beatles con gelosia, rifiutando per vari motivi le proposte di Steve Jobs. Sembra invece che gli sforzi del CEO di Apple, da sempre appassionato della musica dei quattro di Liverpool, stiano per giungere ad una conclusione felice, forse già  dalle prossime ore.
probabile-accordo-apple-emi-per-la-musica-dei-beat-1.jpgUn indizio è apparso sulla pagina iniziale del sito di Apple, con uno strano messaggio che recita "domani è solo un altro giorno. Che non dimenticherai mai" e annuncia una grande novità  per le 4 pomeridiane di oggi, ora italiana. Rimane ignoto il significato del messaggio, forse un riferimento alla canzone "Another Day" di Paul McCartney. Tim Bajarin, analista di Creative Strategies ed esperto di Apple, ha commentato che iTunes è il maggior distributore di musica online del mondo ma che non rappresenta una grande fonte di introiti per l'azienda. I dirigenti di Apple ne parlano come di un servizio in pareggio.
Secondo Bjarin "La musica stessa è un veicolo che permette loro di vendere più iPod e iPhone, che è dove fanno veramente i soldi". Non a caso tre quarti del mercato discografico statunitense circola ancora attorno agli album su CD, fonte di guadagno superiore agli mp3 scaricati.

probabile-accordo-apple-emi-per-la-musica-dei-beat-2.jpg
Nonostante i dubbi sul ritorno economico della vendita della musica dei Beatles, rimane il valore simbolico di una mossa del genere: legare il proprio nome a quello della band inglese potrebbe rappresentare un enorme passo avanti per l'immagine di Apple.
John Perry Barlow, cantante dei Grateful Dead, vede nell'operazione una grande opportunità  per tramandare le note e le parole dei Beatles ai posteri: "Quella musica è senza tempo. Probabilmente si tratta delle più belle canzoni mai scritte dall'umanità , e ci sono nuove generazioni in arrivo che non le conoscono".
Barlow ha concluso dicendo che "Steve Jobs è finalmente diventato la mela dominante". Parole sue. I veri vincitori saranno sempre e solo la musica dei Beatles e chi la ascolta.

Ultime News
Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

L'Autorita garante per la concorrenza e il mercato ha inflitto la sanzione per inottemperanza a...

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook supporta tutti i formati di ebook disponibili in commercio su qualsiasi piattaforma.

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

La nuova penna digitale con punta fine assicura una maggiore compatibilità con molteplici...

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni diffusi dall’Agcom nel terzo trimestre le...

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

Sotto la lente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato gli aggiornamenti software...

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media