APC
Paul Allen rinnova la causa contro Google, Apple e  Facebook

Paul Allen rinnova la causa contro Google, Apple e Facebook

Paul Allen, co-fondatore di Microsoft, ha rilanciato la causa legale contro Apple, Google, Facebook e altri siti web. L'accusa verte sull'uso illegale di tecnologie di proprietà  del suo nuovo studio.

Pubblicato: 29/12/2010 16:30

di: Redazione Technology

   

Paul Allen ritorna all'attacco. Il co-fondatore di Microsoft già  nell'agosto di quest'anno avanzò un'azione legale contro alcune delle maggiori aziende statunitensi del settore tecnologico, tra cui Apple, Google, Facebook, AOL, NetFlixYouTube.
In quell'occasione il giudice decretò la documentazione presentata da Allen non soddisfacente, invitandolo a ripresentare nuove prove entro il 28 dicembre.
Primo oggetto del contendere riguarda la generazione di dati relativi alle informazioni che vengono visualizzate nelle pagine web. Secondo quanto sostiene Allen, Google avrebbe utilizzato indebitamente questa tecnologia nella visualizzazione della pubblicità  di terze parti, mentre AOL la avrebbe sfruttata per suggerire elementi correlati alle notizie.
Allen ha accusato anche iTunes di Apple: avrebbe utilizzato la medesima tecnologia per suggerire musica basata sulle ricerche di un utente. Anche eBay, Facebook, Netflix, Yahoo e Office Depot sono finiti nel mirino: tutti avrebbero violato i suoi brevetti nell'indirizzare gli utenti a contenuti correlati.
Ma i brevetti violati non finirebbero qui. Secondo Allen ci sarebbe violazione anche nella tecnologia usata per la trasmissione di informazioni dallo schermo di un computer verso una periferica, ad esempio nel caso di instant messaging.
Allen sostiene che i suoi brevetti sono stati violati da Instant Messenger di AOL, dalla Dashboard di Apple, da Google Talk e Gmail Notifier, dagli smartphone Android e dal sistema di Widgets di Yahoo.
Il quarto brevetto violato sarebbe relativo alla segnalazione di nuovi elementi di interesse sulla base dell'attività  di altri utenti. Allen accusa di aver utilizzato questa tecnologia indebitamente sia AOL, nei propri siti di shopping, sia Apple nei consigli musicali all'interno di iTunes.
Allen ha avanzato al tribunale richiesta di risarcimento danni e il divieto di utilizzo dei suddetti prodotti che sfrutterebbero indebitamente le sue tecnologie.

Ultime News
Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017

Android nel mirino anche nel terzo trimestre 2017

G DATA pubblica la nuova statistica sui malware prodotti ai danni di Android registrati nel terzo...

Scattare, stampare e condividere ovunque con il Moto Mod “Insta-Share Printer” di Polaroid

Scattare, stampare e condividere ovunque con il Moto Mod “Insta-Share Printer” di Polaroid

Collegando in un clic il mod allo smartphone moto z, una volta scattata la foto, sarà poi...

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

Secondo un'indagine, McAfee rivela che il 20% degli intervistati acquisterebbe intenzionalmente...

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Nel 2014 il 37% dei siti web per acquisti o prenotazioni online violava i diritti dei consumatori...

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Il vocabolario della lingua italiana ha compiuto 100 anni.

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Dai televisori ai frigoriferi, passando per lavatrici, forni e piccoli elettrodomestici, sono più...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media