Speciale SSD
G Data: app Android dannose eliminate e poi rimesse sul mercato

G Data: app Android dannose eliminate e poi rimesse sul mercato

Un contratto di licenza con l'utente cerca di legittimare applicazioni che contenevano codice maligno ma il rischio di furto dati rimane.

Pubblicato: 17/02/2012 08:55

di: Redazione Mobile Computing

   
Lexar presenta le sue schede di memoria SD

Gli esperti dei G Data Security Labs hanno rilevato un ritorno sull'Android Market di alcune applicazioni sviluppate da TYP3-Studios che erano state eliminate perchà© contenenti codice dannoso.
Ora, un'immagine rinnovata nel look e l'aggiunta di una clausola in cui l'utente accetta un contratto di licenza -  EULA (End User License Agreement) -  fa sì che le apps siano nuovamente disponibili sul mercato di Google.
Queste applicazioni, tutte apparentemente innocue, rubano i dati personali e promuovono annunci di altre applicazioni dello stesso sviluppatore.

g-data-app-android-dannose-eliminate-e-poi-rimesse-1.jpg

Le app dannose sono state disponibili ufficialmente nel Market Android fino allo scorso 4 luglio 2011, ovvero fino a quando un professore della University of North Carolina ha avvertito della loro presenza. Si trattava di programmi molto semplici e comuni come, per esempio, "Airhorn" che imitava il suono di un altoparlante o "Flashlight" con la funzione di torcia portatile. I programmi, a prima vista innocui,  una volta installati, inviavano le informazioni personali degli utenti (dati della rubrica, numero di telefono o IMEI, International Mobile Equipment Identity che identifica ogni terminale mobile) ai server di TYP3-Studios. 


g-data-app-android-dannose-eliminate-e-poi-rimesse-2.jpg

Pochi mesi dopo, gli sviluppatori hanno rilasciato l'applicazione per la seconda volta. Questa volta i colori dell'icona del programma sono diversi ed è stato aggiunto un accordo con l'utente finale che descrive la funzione del programma. Questo accordo, in realtà , è ben nascosto all'interno dell'app e talmente lungo che risulta improbabile che gli utenti lo leggano. L'applicazione possiede ancora le sue stesse caratteristiche nocive rubando i dati degli utenti che la installano. L'unica differenza è che ora cripta i dati prima di inviarli al destinatario (condizione necessaria per rimanere nel Market di Google).
Queste applicazioni sono ancora disponibili sul Market Android e sono state scaricate più di 10.000 volte.

Ultime News
CEC-PAC fallisce e Agid la fa chiudere

CEC-PAC fallisce e Agid la fa chiudere

L'Agid annuncia la sospensione progressiva del servizio di Postacertificata CEC-PAC dedicato alle...

Apple vince nella causa contro iTunes

Apple vince nella causa contro iTunes

Apple vince la causa su iTunes Store, DRM e iPod: i giudici ritengono infatti che il colosso di...

Internet, un italiano su 3 non lo ha mai usato

Internet, un italiano su 3 non lo ha mai usato

Una recente ricerca di Eurostat rivela che un terzo della popolazione italiana non ha mai...

Facebook, arriva l'assistente virtuale per evitare i post imbarazzanti

Facebook, arriva l'assistente virtuale per evitare i post imbarazzanti

E'in arrivo su Facebook un'intelligenza artificiale che funga da assistente personale per ogni...

3 Italia rinnova AppSquare, la community per designer e sviluppatori di nuove App

3 Italia rinnova AppSquare, la community per designer e sviluppatori di nuove App

Nasce “Contest Game”, l’iniziativa per trasformare le idee migliori in una vera applicazione....

Natale, Confesercenti: più di un italiano su quattro comprerà tecnologia

Natale, Confesercenti: più di un italiano su quattro comprerà tecnologia

Smartphone il regalo più ambito, ma ebook e phablet – gli smartphone extralarge - fanno boom.



Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media