APC
McAfee: la maggioranza degli adulti condivide dettagli intimi su dispositivi digitali non protetti

McAfee: la maggioranza degli adulti condivide dettagli intimi su dispositivi digitali non protetti

Il 63% riceve sul proprio dispositivo mobile contenuti intimi, mentre il 45% riceve contenuti a sfondo sessuale e circa la metà condivide con altri le proprie password.

Pubblicato: 06/02/2014 09:55

di: Redazione BitCity

   

McAfee ha presentato i risultati della propria indagine Amore, relazioni e tecnologia 2014. Per il secondo anno consecutivo, l’azienda ha preso in esame come oltre 6.000 consumatori condividono e archiviano dati privati sui propri dispositivi portatili, in particolare con gli attuali compagni o con gli ex.
Lo studio mette in luce come la condivisione di contenuti personali come testi allusivi, foto di nudo, video provocanti e codici d’accesso su questi dispositivi possano potenzialmente portare a fenomeni di stalking digitale e alla diffusione di dati personali online.
Mentre il 94% degli intervistati utilizza il proprio dispositivo portatile per scattare foto e il 58% invia o riceve contenuti privati tra cui filmati, fotografie, email e messaggi, solo il 73% degli intervistati protegge il proprio smartphone con una password o un codice d’accesso, pari a un aumento di 33 punti percentuali rispetto al risultato dello scorso anno. Ciononostante, il 41% degli adulti italiani continua a condividere le proprie password con un'altra persona (in calo rispetto al 60% dello scorso anno), mentre il 30% utilizza la stessa password per più dispositivi, aumentando la possibilità che tali dispositivi portatili vengano violati.
Il 49% dei giovani tra i 25 e i 34 anni riceve contenuti a sfondo sessuale, ricalcando le abitudini del 49% degli adulti tra i 45-54 anni. Sono le donne le più propense a utilizzare il proprio dispositivo portatile per inviare e ricevere contenuti simili (41% donne - 36% uomini). Il 50% degli adulti italiani afferma di avere archiviato contenuti privati e intimi che hanno ricevuto da altre persone rispetto al 53% che archivia foto, video o messaggi osé da loro inviati ad altri. Di coloro che hanno inviato contenuti privati o audaci, il 66% li ha inviati alla propria persona del cuore, mentre 2 persone su 10 ha inviato contenuti simili a uno sconosciuto (19%).
“Con tutte le storie che abbiamo sentito di fotografie private trafugate, è difficile credere che la gente continui a condividere le proprie password”, afferma Ombretta Comi, marketing manager per l’Italia McAfee. “In ultima analisi, aumentano i rischi che queste fotografie diventino pubbliche e possano mettere a repentaglio la loro identità e la loro reputazione. Tutti noi dobbiamo adottare una serie di precauzioni e utilizzare le soluzioni di sicurezza mobile per garantire che ciò che deve rimanere privato rimanga tale”.

Ultime News
InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

 Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

I tour sono aperti a chiunque abbia compiuto 6 anni, fino ad un massimo di 35 partecipanti per...

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

I saldi di inizio anno fanno registrare un aumento delle spese da parte degli italiani del 34%...

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

I consumatori europei potranno cogliere tutti i vantaggi dell'acquisto in rete di prodotti e...

WhatsApp non supporterà più BlackBerry 10 e BlackBerry OS

WhatsApp non supporterà più BlackBerry 10 e BlackBerry OS

WhatsApp però continuerà a supportare i dispositivi BlackBerry con SO Android come BlackBerry...

Mondadori Store presenta

Mondadori Store presenta "MyStore", il nuovo assistente digitale

L'assistente digitale "MyStore", sviluppato da Mauden, offre ai clienti contenuti e consigli su...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media