APC
La top5 dei malware del 2015: le minacce rilevate da ESET a livello globale

La top5 dei malware del 2015: le minacce rilevate da ESET a livello globale

Tra i malware più pericolosi i trojan bancari, in previsione di aumento per il 2016, e i ransomware, software usati per codificare i dati delle vittime per poi ricattarle.

Pubblicato: 04/01/2016 11:25

di: Redazione BitCity

   

Il 2015 ha registrato un inevitabile aumento del cyber crimine a livello globale, sia in termini numerici che di gravità degli attacchi; tra questi emergono i trojan bancari, costantemente rilevati dalla telemetria di ESET per tutto il 2015 ed in previsione di aumento per il 2016, insieme ai temibili ransomware, pericolosi software usati per codificare i dati delle vittime per poi ricattarle.
Insieme a queste, ESET ha stilato una classifica delle principali minacce rilevate nel 2015 a livello globale grazie a Live Grid, l'esclusiva tecnologia Cloud di ESET che identifica le minacce informatiche globali per numero di rilevazioni:

1.       PUA (applicazioni potenzialmente non desiderate)
Per PUA (o grayware) si intende una vasta categoria di software di per se legittima il cui intento non è esattamente o inequivocabilmente pericoloso - come succede per altri tipi di malware come virus o cavalli di troia – ma che potrebbe installare ulteriori software non desiderati, cambiare il comportamento del dispositivo o effettuare delle attività non approvate o non richieste dall'utente.Tra le categorie che possiamo includere nei grayware troviamo i software per mostrare pubblicità, i wrapper per i download, varie toolbar per i browser, i software dal comportamento ingannevole, i trackware o i software che usano pratiche commerciali illecite o eticamente discutibili (pur mostrandosi come legittimi) e che potrebbero essere ritenute indesiderabili da un utente, nel caso in cui fosse informato su ciò che ne comporta l'installazione.
2.       VBA/TrojanDownloader
*
VBA/TrojanDownloader* è il nome della rilevazione dei malware che di solito infettano i file di Microsoft Office usando del codice dannoso scritto in "Visual Basic for Applications" (VBA). Per aprire il documento e vederne il contenuto, la vittima deve abilitare l'esecuzione dei contenuti VBA, che permette al codice dannoso di eseguire e scaricare altri processi pericolosi. Questo tipo di malware si diffonde prevalentemente attraverso email con allegati infetti.
3.       HTML/ScrInject e HTML/Iframe
Vengono rilevati quando un sito web (pericoloso o legittimo, ma compromesso) contiene una parte – tipicamente un iframe o uno script – che tenta di scaricare dei contenuti da un server presente nelle blacklist di ESET.
4.       LNK/Agent*
Nelle segnalazioni che iniziano con il prefisso "LNK/", ESET rileva i file collegamento pericolosi (*.lnk) che i cyber criminali creano come esca e che puntano a un – solitamente nascosto – eseguibile dannoso.
5.       Estensioni pericolose dei browser
Si tratta di un trojan che si diffonde come estensione per un browser e consente, per esempio, attacchi di tipo "man-in-the-browser" che permettono a un cyber criminale di modificare le pagine web o i contenuti delle transazioni o di inserire transazioni aggiuntive invisibili alle vittime.

Ultime News
Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Si guarda la vetrina, ma poi si compra online. Un acquirente su due sceglie con lo smartphone.

Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media