i Check Point: scoperta nuova vulnerabilità, gli hacker più smart delle smart TV | BitCity.it
APC
Check Point: scoperta nuova vulnerabilità, gli hacker più smart delle smart TV

Check Point: scoperta nuova vulnerabilità, gli hacker più smart delle smart TV

Alcune ricerche sulle vulnerabilità del dongle EZCast evidenziano le nuove sfide che attendono i consumatori e le aziende nell’ecosistema Internet of Things.

Pubblicato: 08/01/2016 11:45

di: Redazione BitCity

   

Check Point ha pubblicato un report sulle vulnerabilità di rete di EZCast, un dongle HDMI per lo streaming TV, che converte le TV non connesse in smart TV.
I risultati mostrano che gli hacker potrebbero riuscire a prendere il pieno e illegittimo controllo della rete EZCast dell’abbonato e da lì sfruttare dati personali e arrivare a controllare i dispositivi domestici della vittima. 
Utilizzato attualmente da circa 5 milioni di utenti, il dongle EZCast sfrutta una propria rete wi-fi, ed è controllato da uno smartphone oppure da un Pc.
Il prodotto fa parte di un trend in crescita, quello dei dispositivi in grado di connettersi a internet – conosciuti anche con il termine Internet of Things (IoT) – e ci presenta nuove e inedite sfide in ambito sicurezza, che coinvolgono sia i consumatori che le aziende.
L’ultimo report di Check Point sottolinea gravi rischi tra cui: 
  • gli hacker possono infiltrarsi nella rete wi-fi, aprendo facilmente un varco sia per l’EZCast che per gli altri dispositivi domestici.
  • una volta all’interno, gli hacker esplorano le reti senza che la loro presenza sia rilevata, con la possibilità di visualizzare informazioni riservate e infettare i vostri dispositivi domestici
  • l’infezione può esordire dapprima da remoto: gli hacker possono eseguire codici dannosi ovunque.
“Questa ricerca ci fornisce un rapido sguardo su quella che sarà la normalità nel 2016 e anche dopo – i cybercriminali che si ingegnano con metodi creativi per sfruttare le falle di un mondo sempre più connesso”, dichiara Oded Vanunu, security research group manager di Check Point. “Il trend dell’Internet of Things continuerà la sua ascesa e sarà importante, sia per i consumatori che per le aziende, riflettere su come tutelare i propri dispositivi smart ed essere pronti ad una diffusione ancora maggiore dell’IoT”. 
L’IoT abbraccia vari tipi di dispositivi – dai gadget più semplici e consumer alle automobili, ai sistemi industriali sofisticati. Il dongle EZCast è un esempio di dispositivo connesso IoT, perché consente di trasferire dati attraverso una rete, senza l’interazione tra esseri umani oppure tra essere umano e computer. Il mercato legato all’IoT sta crescendo in modo esponenziale ed è destinato a cambiare non solo il modo in cui qualsiasi azienda, ente governativo o consumatore interagisce con il mondo fisico – ma anche il modo in cui questo viene messo in sicurezza.      
Per ulteriori informazioni, il report completo ‘EZHack: Popular Smart TV Dongle Remote Code Execution’ è disponibile a questo link:http://blog.checkpoint.com/wp-content/uploads/2015/12/EZCast_Report_Check_Point.pdf.

Ultime News
Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Un gruppo di dipendenti di HTC - molti dei quali sono al lavoro sullo smartphone Pixel -...

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

A meno di dieci giorni dal lancio dell'iPhone 8 eBay traccia il profilo dell'iPhoneconomy: su...

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

Una scheda sintentica su come effettuare l'aggiornamemto a iOs 11 sia in modalità wireless sia...

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

I diciottenni potranno utilizzarlo per assistere tra l'altro a rappresentazioni teatrali e...

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Pointscopre che un'applicazione, chiamata DU Antivirus Security, raccoglieva i dati degli...

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

L'accordo pluriennale comprende anche la diffusione con Prime Video della serie horror The...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media