APC
Microsoft intende spostare i propri server sul fondo del mare

Microsoft intende spostare i propri server sul fondo del mare

Microsoft intende posizionare tutti i server sui fondali marini, così da liberare le strutture e ridurre i costi generati dal consumo di energia elettrica per il funzionamento dei condizionatori d’aria.

Pubblicato: 02/02/2016 12:20

di: redazione social media

   

I centri di elaborazione dati, si sa, sono vere e proprie stufe. Ne sa qualcosa chi, soprattutto d’estate, lavora in un data center.
Per mantenere il livello di temperatura tale da permettere un corretto funzionamento dei server di un centro, si affrontano costi molto elevati, per il raffreddamento degli ambienti, con bollette stratosferiche per il consumo di energia elettrica.
Ecco quindi l’idea di Microsoft: posizionare tutti i server sui fondali marini, in modo tale da liberare le strutture e ridurre i costi generati dal consumo di energia elettrica per il funzionamento dei condizionatori d’aria.
Il colosso di Redmond ha infatti rilasciato un prototipo di centro dati in grado di operare a centinaia di metri sotto il livello del mare.
L'azienda afferma di aver preso in considerazione anche le eventuali problematiche relative al fragile ecosistema marino, che risentirebbe di certo del conseguente aumento della temperatura.
Per quanto riguarda la mancanza di rete elettrica, Microsoft sta pensando di ricavare l’energia necessaria con una turbina legata alle maree che generi elettricità per alimentare tutto il sistema.
Realtà o fantascienza ? Per ora la società di Redmond ha portato a termine un collaudo di 105 giorni di una capsula metallica posta a 10 metri sotto il livello del mare nell’Oceano Pacifico, in California, ma prossimamente sarà realizzato un esperimento più grande in Florida.
Un altro vantaggio sarebbe quello di avvicinare i data center all’utenza finale, dal momento che la maggior parte della popolazione del mondo vive vicino alle coste, mentre oggi i centri in cui sono installati i server sono quasi tutti situati in luoghi remoti e disabitati: l’avvicinamento di server e utenza renderebbe tutti i servizi più rapidi ed efficaci.

Ultime News
3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 arricchisce così le proprie offerte il proprio portafoglio di prodotti con l’intrattenimento on...

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp è un'applicazione che aiuta a risparmiare denaro per le proprie vacanze in modo facile e...

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

A novembre l’Italia peggiora e scala dieci posizioni nella classifica mondiale dei paesi più...

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

I cybercriminali hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e...

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media