Speciale SSD
Microsoft intende spostare i propri server sul fondo del mare

Microsoft intende spostare i propri server sul fondo del mare

Microsoft intende posizionare tutti i server sui fondali marini, così da liberare le strutture e ridurre i costi generati dal consumo di energia elettrica per il funzionamento dei condizionatori d’aria.

Pubblicato: 02/02/2016 12:20

di: redazione social media

   

I centri di elaborazione dati, si sa, sono vere e proprie stufe. Ne sa qualcosa chi, soprattutto d’estate, lavora in un data center.
Per mantenere il livello di temperatura tale da permettere un corretto funzionamento dei server di un centro, si affrontano costi molto elevati, per il raffreddamento degli ambienti, con bollette stratosferiche per il consumo di energia elettrica.
Ecco quindi l’idea di Microsoft: posizionare tutti i server sui fondali marini, in modo tale da liberare le strutture e ridurre i costi generati dal consumo di energia elettrica per il funzionamento dei condizionatori d’aria.
Il colosso di Redmond ha infatti rilasciato un prototipo di centro dati in grado di operare a centinaia di metri sotto il livello del mare.
L'azienda afferma di aver preso in considerazione anche le eventuali problematiche relative al fragile ecosistema marino, che risentirebbe di certo del conseguente aumento della temperatura.
Per quanto riguarda la mancanza di rete elettrica, Microsoft sta pensando di ricavare l’energia necessaria con una turbina legata alle maree che generi elettricità per alimentare tutto il sistema.
Realtà o fantascienza ? Per ora la società di Redmond ha portato a termine un collaudo di 105 giorni di una capsula metallica posta a 10 metri sotto il livello del mare nell’Oceano Pacifico, in California, ma prossimamente sarà realizzato un esperimento più grande in Florida.
Un altro vantaggio sarebbe quello di avvicinare i data center all’utenza finale, dal momento che la maggior parte della popolazione del mondo vive vicino alle coste, mentre oggi i centri in cui sono installati i server sono quasi tutti situati in luoghi remoti e disabitati: l’avvicinamento di server e utenza renderebbe tutti i servizi più rapidi ed efficaci.

Ultime News
Facebook, Messenger Lite arriva anche in Italia

Facebook, Messenger Lite arriva anche in Italia

Messenger Lite, la versione più leggera della piattaforma di comunicazione di Facebook, arriva...

Google testa un'app per le foto notturne

Google testa un'app per le foto notturne "perfette"

Un ricercatore di Google sta cercando di mettere a punto un'app per scattare con lo smartphone...

Arriva In-Traffic Reply, l'app che risponde quando si guida

Arriva In-Traffic Reply, l'app che risponde quando si guida

Utilizzare lo smartphone mentre si guida è pericoloso: Samsung è al lavoro su In-Traffic Reply,...

Acer lancia i notebook Gaming Predator Helios 300 e Triton 700

Acer lancia i notebook Gaming Predator Helios 300 e Triton 700

Acer presenta i nuovi notebook Predator Helios 300 e Triton 700 che saranno commercializzati a...

 Android colabrodo: 8.400 nuovi malware al giorno nel primo trimestre 2017

Android colabrodo: 8.400 nuovi malware al giorno nel primo trimestre 2017

Il livello di rischio rimane allarmante, ma non è dovuto solo all'alacre attività dei...

Fotografia: Milano concentra 1/4 del business d’Italia

Fotografia: Milano concentra 1/4 del business d’Italia

Italia, 26 mila imprese e 52 mila addetti. Prime Milano e Roma, Napoli, Torino, Bari.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media