i Adolescenti sempre più dipendenti dal Web, è allarme | BitCity.it
APC
Adolescenti sempre più dipendenti dal Web, è allarme

Adolescenti sempre più dipendenti dal Web, è allarme

Un'indagine promossa da Telefono Azzurro in collaborazione con Doxakids rivela che sono sempre di più i ragazzi che dichiarano di non riuscire a staccarsi da smartphone e social.

Pubblicato: 09/02/2016 14:20

di: redazione social media

   

Secondo un'indagine promossa da Telefono Azzurro in collaborazione con Doxakids, sono sempre di più i ragazzi che dichiarano di non riuscire a staccarsi da smartphone e social (17%), mentre il 25% è sempre online.
Poco meno del 50% si connette più volte al giorno, più del 75% chatta continuamente su WhatsApp e infine un numero di poco superiore al 20% si sveglia durante la notte per controllare i messaggi arrivati sul proprio cellulare (vamping).
Si tratta di dati preoccupanti, comunicati in occasione del “Safer Internet Day” che si celebra oggi 9 febbraio, ma che non destano sorpresa perché tutti abbiamo constatato la dipendenza di molti bambini e ragazzi da Internet.
Si abbassa anche l’età di iscrizione a Facebook: sotto i 13 anni, età minima consentita per poterlo fare. Il 71% degli intervistati ha ricevuto uno smartphone a 11 anni.
Poco rassicuranti anche altri dati: 4 ragazzi su 5 (circa il 73%) dichiarano di frequentare costantemente siti pornografici, più di 1 su 10 (12%) confessa di essere stato vittima di cyberbullismo mentre ben il 32% ha paura di subirlo.
Il 10 % giustifica il proprio comportamento, ritenendolo un semplice scherzo.
Un dato interessante riguarda la musica: più del 70% dei teenager l'ascolta grazie al proprio smartphone e solo il 13% preferisce il pc.
Grazie alla maggiore disponibilità di connettività, infine, vengono maggiormente utilizzati strumenti legali per la fruizione della musica (indagine di Polizia di Stato).
Come confermano questi dati, siamo di fronte ad un attaccamento che ormai per molti bambini e ragazzi è una vera dipendenza.
Un campanello d’allarme per i genitori che spesso sono inconsapevoli dei rischi e che spesso a loro volta non sono da meno: quasi il 70% dichiara di usare WhatsApp per comunicare quotidianamente con i propri figli.

Ultime News
iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

Una scheda sintentica su come effettuare l'aggiornamemto a iOs 11 sia in modalità wireless sia...

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

I diciottenni potranno utilizzarlo per assistere tra l'altro a rappresentazioni teatrali e...

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Pointscopre che un'applicazione, chiamata DU Antivirus Security, raccoglieva i dati degli...

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

L'accordo pluriennale comprende anche la diffusione con Prime Video della serie horror The...

Mytaxi arriva a Torino

Mytaxi arriva a Torino

Con oltre 150 tassisti registrati, mytaxi arriva a Torino offrendo il 50% di sconto su tutte le...

SafeCity: arriva il social network italiano per la sicurezza partecipata

SafeCity: arriva il social network italiano per la sicurezza partecipata

Citel lancia la prima community che mette in rete i cittadini creando un filo diretto con le...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media