APC
Attenzione a non impostare la data di iPhone al 1 gennaio 1970

Attenzione a non impostare la data di iPhone al 1 gennaio 1970

Fate attenzione a non impostare la data del vostro iPhone al 1° gennaio 1970: se lo fate, potrebbe bloccarsi lo smartphone.

Pubblicato: 17/02/2016 16:35

di: redazione smartphone e app

   

Attenzione a non seguire, senza prima riflettere, gli annunci che ogni tanto compaiono sul web.
E’ il caso dell’annuncio che gira sul web e che invita ad impostare la data del vostro iPhone al 1° gennaio 1970.
Se lo fate, potrebbe bloccarsi lo smartphone. Infatti  molti utenti affermano di aver impostato la data suggerita e di non essere più riusciti a riaccendere il proprio device.
La brutta sorpresa è iniziata sui social network: un passaparola diceva che se si fosse impostata quella particolare data sull'iPhone, dopo averlo riavviato, ogni utente avrebbe potuto scoprire una sorpresa nel software che avrebbe fatto "rivivere la magia di un classico tema Macintosh".
Il finto annuncio recita così: “Blast from the past” cioè “Sbucato dal passato” , costruito su un'immagine che richiama logo e sfondo Apple.
Attenzione, però, non c’è niente di vero: l’unico risultato è che non si riaccende più lo smartphone. Il problema colpirebbe iPhone, iPad e iPod touch con processori a 64 bit e con iOS 8 o 9.
“Blast from the past” è il titolo di un simpatico film del 1999 in cui una famiglia di nome Webber, a seguito di un aereo che precipita sulla propria casa durante la nota crisi di Cuba,  crede che ci sia stata un’esplosione nucleare e scende in un rifugio antiatomico, la cui serratura è predisposta per essere chiusa per 35 anni e nessuno, né dall'interno né dall'esterno la può aprire.
Come avviene per la serratura del film, anche lo smartphone resterebbe bloccato.

Ultime News
Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Sindaco Sala: "Sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le...

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

Le integrazioni con l'app di Apple TV, Remote e universal research di Siri renderanno davvero...

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

L’Italia quest’anno è al terzo posto tra i Paesi Europei dove si spende di più on line per il...

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Il portale QualeScegliere.it ha selezionato e testato le migliori app gratuite disponibili per...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media