Speciale SSD
1969-2016: 47 anni per ascoltare il suono misterioso di Apollo 10

1969-2016: 47 anni per ascoltare il suono misterioso di Apollo 10

la NASA ha svelato il segreto del misterioso suono percepito dai tre astronauti di Apollo 11: si tratta di suono costante, lungo, dissonante che sembra la sirena di un antifurto.

Pubblicato: 23/02/2016 17:15

di: redazione social media

   

Sono passati quasi 47 anni dal viaggio intorno alla luna di Apollo 10, l’ultimo prima dello sbarco sul nostro satellite dell’equipaggio di Apollo 11 e finalmente la NASA svela il segreto del misterioso suono percepito dai tre astronauti a bordo,Thomas Stafford, John Young ed Eugene Cernan, mentre erano in orbita attorno alla Luna.
E’ un suono costante, lungo, dissonante che sembra la sirena di un antifurto.
La missione, che si svolse nel maggio del 1969, due mesi prima dello sbarco dell’uomo sul suolo lunare, avvenuto nel luglio dello stesso anno, fu segnata da questo episodio misterioso e rimasto segreto fino a oggi.
La Nasa lo ha svelato in una puntata della terza edizione di “Nasa’s Unexplained Files”.
I tre astronauti si trovavano sopra la faccia nascosta della Luna, quella che dalla Terra non è visibile e per più di un'ora rimasero completamente isolati, essendo impossibile qualunque collegamento radio.
In questa situazione di perfetto silenzio radio, nelle loro cuffie iniziarono a sentire quei suoni stranissimi.  La Nasa acquisì le registrazioni audio e video, ma il dossier finì in archivio e non si parlò più di quell’episodio.
E' possibile dare una spiegazione scientifica? I pianeti producono una musica che definiremmo "spaziale", come ha rilevato la sonda Cassini che, passando tra gli anelli di Saturno registrò una serie di toni a una frequenza non percepibile dal nostro orecchio.
Questi toni sarebbero generati da particelle cariche elettricamente in movimento attorno al pianeta. Questa spiegazione però non sarebbe valida nel caso dela Luna, non essendo presente sul nostro satellite nè un'atmosfera nè un campo magnetico.
Provenienza del suono, secondo la spiegazione "ufficiale", sarebbe stata un' interferenza tra il modulo lunare e il modulo di comando. Ma se così fosse stato, perchè per quasi 47 anni la Nasa ha preferito mantenere nascosta la notizia?


Ultime News
I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

Hi-tech e gaming i settori più ricercati. Tendenze tutte italiane: acquisti mirati ai figli e...

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

La nuova applicazione consente alle scuole di intraprendere campagne preventive e di far partire...

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

A febbraio arriva “Deep”, la serie franco-italiana che vede nel cast Ornella Muti e Caterina Murino.

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Secondo i dati degli esperti di Eset, ScriptAttachment ha colpito nell’ultimo mese il 33% degli...

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Arriva l'offerta di Natale per smartphone, tablet e PC dedicata ai clienti privati ricaricabile e...

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Da quest’anno anche in Italia è possibile ricevere una chiamata o un video messaggio...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media