i Facebook, gli insulti in bacheca sono diffamazione aggravata | BitCity.it
APC
Facebook, gli insulti in bacheca sono diffamazione aggravata

Facebook, gli insulti in bacheca sono diffamazione aggravata

La Cassazione ha dichiarato che le frasi offensive postate su Facebook rappresentano diffamazione aggravata, paragonabile a quella a mezzo stampa.

Pubblicato: 02/03/2016 11:50

di: redazione social media

   

La Cassazione ha stabilito che offendere su Facebook è diffamazione aggravata, paragonabile a quella a mezzo stampa.
Nello specifico, la suprema corte si è occupata della vicenda di un'invettiva social ai danni dell'attuale presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, all'epoca dei fatti (2010), commissario straordinario.
Chi ha riempito la sua bacheca di parole diffamatorie come "verme" e "parassita" dovrà pagare una multa di 1.500 Euro, con rito abbreviato.
La condanna è stata emessa nei confronti di un componente in congedo del corpo militare della Croce Rossa, autore delle offese all'epoca dello scambio avviato sul social.
La Cassazione ha sottolineato come "la condotta di postare un commento" costituisca "la pubblicazione e la diffusione di esso, per la idoneità del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un gruppo di persone, comunque, apprezzabile per composizione numerica".
Oggetto dello scontro verbale le scelte e iniziative adottate da Rocca mentre era alla guida dell'ente. Il dibattito era poi degenerato e sono state scritte pesanti offese personali denunciate dal diretto interessato, che per provare tutto aveva allegato alla querela la stampa della pagine Facebook. 
La Cassazione ha riconosciuto come frasi come "parassita del sistema clientelare" o "quando i cialtroni diventano parassiti", che l'istruttoria compiuta nella fase di merito ha attribuito all'imputato, siano "oggettivamente lesive della reputazione, trasmodando in una gratuita e immotivata aggressione delle qualità personali di Rocca".

Ultime News
iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

Una scheda sintentica su come effettuare l'aggiornamemto a iOs 11 sia in modalità wireless sia...

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

I diciottenni potranno utilizzarlo per assistere tra l'altro a rappresentazioni teatrali e...

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Pointscopre che un'applicazione, chiamata DU Antivirus Security, raccoglieva i dati degli...

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

L'accordo pluriennale comprende anche la diffusione con Prime Video della serie horror The...

Mytaxi arriva a Torino

Mytaxi arriva a Torino

Con oltre 150 tassisti registrati, mytaxi arriva a Torino offrendo il 50% di sconto su tutte le...

SafeCity: arriva il social network italiano per la sicurezza partecipata

SafeCity: arriva il social network italiano per la sicurezza partecipata

Citel lancia la prima community che mette in rete i cittadini creando un filo diretto con le...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media