Speciale SSD
Facebook, gli insulti in bacheca sono diffamazione aggravata

Facebook, gli insulti in bacheca sono diffamazione aggravata

La Cassazione ha dichiarato che le frasi offensive postate su Facebook rappresentano diffamazione aggravata, paragonabile a quella a mezzo stampa.

Pubblicato: 02/03/2016 11:50

di: redazione social media

   

La Cassazione ha stabilito che offendere su Facebook è diffamazione aggravata, paragonabile a quella a mezzo stampa.
Nello specifico, la suprema corte si è occupata della vicenda di un'invettiva social ai danni dell'attuale presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, all'epoca dei fatti (2010), commissario straordinario.
Chi ha riempito la sua bacheca di parole diffamatorie come "verme" e "parassita" dovrà pagare una multa di 1.500 Euro, con rito abbreviato.
La condanna è stata emessa nei confronti di un componente in congedo del corpo militare della Croce Rossa, autore delle offese all'epoca dello scambio avviato sul social.
La Cassazione ha sottolineato come "la condotta di postare un commento" costituisca "la pubblicazione e la diffusione di esso, per la idoneità del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un gruppo di persone, comunque, apprezzabile per composizione numerica".
Oggetto dello scontro verbale le scelte e iniziative adottate da Rocca mentre era alla guida dell'ente. Il dibattito era poi degenerato e sono state scritte pesanti offese personali denunciate dal diretto interessato, che per provare tutto aveva allegato alla querela la stampa della pagine Facebook. 
La Cassazione ha riconosciuto come frasi come "parassita del sistema clientelare" o "quando i cialtroni diventano parassiti", che l'istruttoria compiuta nella fase di merito ha attribuito all'imputato, siano "oggettivamente lesive della reputazione, trasmodando in una gratuita e immotivata aggressione delle qualità personali di Rocca".

Ultime News
I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

Hi-tech e gaming i settori più ricercati. Tendenze tutte italiane: acquisti mirati ai figli e...

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

La nuova applicazione consente alle scuole di intraprendere campagne preventive e di far partire...

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

A febbraio arriva “Deep”, la serie franco-italiana che vede nel cast Ornella Muti e Caterina Murino.

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Secondo i dati degli esperti di Eset, ScriptAttachment ha colpito nell’ultimo mese il 33% degli...

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Arriva l'offerta di Natale per smartphone, tablet e PC dedicata ai clienti privati ricaricabile e...

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Da quest’anno anche in Italia è possibile ricevere una chiamata o un video messaggio...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media