APC
Clausole vessatorie: interviene l’Antitrust e Paypal modifica le condizioni d’uso

Clausole vessatorie: interviene l’Antitrust e Paypal modifica le condizioni d’uso

L'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha ritenuto "vessatorie" alcune clausole imposte agli utenti del colosso dei pagamenti.

Pubblicato: 04/03/2016 10:45

di: Redazione BitCity

   

In seguito a un procedimento avviato dall’Antitrust, dopo la consultazione pubblica a cui hanno partecipato le associazioni dei consumatori, PayPal ha modificato le Condizioni d'uso diffuse sul sito Internet (www.paypal.com/it) eliminando alcune clausole vessatorie: tra cui, in particolare, quella contenuta nel Programma Protezione Acquisti (PPA), consentendo così all’acquirente di usufruire del rimborso se può provare la mancata consegna di un prodotto anche quando il venditore attesti a sua volta l’avvenuta consegna o spedizione.
L’intervento dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha riguardato in dettaglio:
  • la clausola sul mancato utilizzo del Programma Protezione Acquisti (PPA) per oggetto "Notevolmente non conforme alla descrizione": questa è stata considerata vessatoria in quanto in grado di limitare l’applicazione dei rimborsi garantiti da PayPal in caso di consegna di un bene difforme dalla descrizione, tenuto conto che la società non definiva chiaramente il concetto di prodotto "Notevolmente non conforme alla descrizione" riservandosi una discrezionalità nella verifica delle effettive difformità;
  • le clausole sulla legislazione applicabile e la giurisdizione competente: queste sono state considerate vessatorie in quanto in grado di determinare un significativo squilibrio dei diritti e obblighi dei consumatori, prevedendo l’applicabilità della legge inglese e la competenza delle corti inglesi o del Lussemburgo, in deroga al principio della competenza del foro di residenza del consumatore.
Le nuove clausole contrattuali sono già disponibili on line ed entreranno in vigore dal 23 marzo prossimo. Le modifiche saranno peraltro trasferite nelle Condizioni d’uso valide in tutta Europa.

Ultime News
Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

A novembre l’Italia peggiora e scala dieci posizioni nella classifica mondiale dei paesi più...

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

I cybercriminali hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e...

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Sindaco Sala: "Sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le...

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

Le integrazioni con l'app di Apple TV, Remote e universal research di Siri renderanno davvero...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media