i Partita la prima missione Exomars | BitCity.it
APC
Partita la prima missione Exomars

Partita la prima missione Exomars

E'partita la prima missione Exomars: il grande razzo Proton si è sollevato da terra questa mattina alle 10.31.

Pubblicato: 14/03/2016 18:30

di: redazione social media

   

La prima missione Exomars è partita.
Il grande razzo Proton si è sollevato dalla base russa di Baykonur in Kazakistan alle 10.31 ora italiana, in perfetto orario.
Nell’ogiva del razzo è ospitata la sonda Tgo dell’Esa europea, che contiene circa 5 tonnellate di scienza e tecnologia italiana.
Grande l’emozione di tecnici e scienziati italiani che hanno potuto seguire il lancio dal centro di controllo di Torino.Il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Roberto Battiston, ha così commentato: “È un’emozione vedere il Proton alzarsi nel cielo con a bordo tanta tecnologia italiana”. 
La sonda ‘madre’ resterà nell’orbita di Marte per individuare la presenza di metano e di altri gas compatibili con la vita.
Farà poi scendere un modulo, chiamato Schiaparelli in onore dell’astronomo italiano Giovanni. Sulla superficie di Marte, Schiaparelli porterà diversi strumenti tra cui la stazione meteo Dreams. Questa stazione meteorologica è stata realizzata dal Cisas di Padova ed entrerà in azione dopo lo sbarco per studiare in particolare venti e polveriL’obiettivo di questa prima fase è mappare Marte e averne anche un modello 3D, con il compito di dimostrare la capacità europea di atterrare sul pianeta rosso.
Nel 2018 la seconda fase della missione prevede il rilascio su Marte di un rover equipaggiato con un trapano che perforerà il suolo fino a due metri di profondità in cerca di tracce di vita.
Era molto importante che la partenza non subisse rinvii. Infatti il lancio doveva avvenire in tempi precisi per obbedire alle leggi della meccanica celeste e raggiungere Marte nel momento voluto, perché le condizioni favorevoli per volare verso il Pianeta Rosso si verificano ogni due anni.
Se qualche problema fosse intervenuto all’ultimo momento si sarebbe andati incontro ad un rinvio di ben due anni.
Sono oltre duecento gli ingegneri e i tecnici specializzati impegnati in queste imprese spaziali che ora si concentreranno sul programma che prevede la partenza della seconda missione Exomars nel 2018, il cui scopo è la ricerca della vita nel sottosuolo marziano.
Ciò sarà reso possibile con il rilascio su Marte di un rover equipaggiato con un trapano che perforerà il suolo fino a due metri di profondità, compiendo analisi in diretta.Il fine ultimo di queste missioni su Marte è quello di preparare lo sbarco dell’uomo immaginato intorno al 2030.

Ultime News
Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

FormBook è un software per furti di dati e un intercettatore di dati in form, pubblicizzato su...

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Quest’anno Lenovo e Motorola portano al Festival esperienze ricche di innovazione, dal gaming al...

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Bixby 2.0 sarà aperto agli sviluppatori in modo da integrare l'assistente vocale in altri...

 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Cefriel: in un attacco di

Cefriel: in un attacco di "phishing"fino al 60% degli utenti "abbocca"

In media a un hacker bastano tre mail per ottenere un click sul link potenzialmente malevolo...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media