Speciale SSD
Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Dopo l'attentato di Lahore in Pakistan,il servizio di Facebook Safety Check è stato attivato anche per utenti di altri Paesi.

Pubblicato: 30/03/2016 16:10

di: redazione social media

   

Safety Check, il servizio di Facebook che viene attivato in casi di tragedie, attentati e calamità e che chiede all’utente se sta bene, dopo l’attentato del giorno di Pasqua in Pakistan, a Lahore, è stato attivato anche per utenti di altri Paesi costringendo i vertici del social network alle scuse.
Il servizio, dopo la risposta dell’utente alla domanda “Stai bene?” invia immediatamente una notifica a tutti i contatti presenti in  rubrica.
Un servizio certamente utile e importante in situazioni drammatiche se ancora una volta non fosse stato compiuto un errore di localizzazione: la domanda è stata infatti inviata anche a molte persone lontane dai fatti dell’attentato.
I responsabili di Facebook hanno ammesso che un tale errore è in contrasto con lo scopo del servizio. 
In ogni caso, ancora una volta Safety Check è finito sotto accusa per il funzionamento tutt’altro che efficace.
Il social network blu ha lavorato velocemente per risolvere la questione scusandosi con chiunque abbia per errore ricevuto la notifica.
Questo sistema era stato collaudato una prima volta per lo tsunami in Giappone nel 2011. In seguito era stato utilizzato dopo gli attentati di Parigi a novembre: in quell’occasione oltre 4 milioni di persone sono riuscite a rassicurare i propri cari sul proprio stato, con oltre 350 milioni di notifiche inviate.
Non sempre Safety Check è entrato però in servizio. Ci sono state molte altre tragedie in vari angoli del mondo in cui l’intelligente sistema di comunicazione non è stato utilizzato: per questo si sono alzate numerose critiche.
Secondo alcuni esperti tutto dipende dall’algoritmo che registra il traffico di attività social e analizza il tipo di richiesta.
Non si conosce, invece, la causa dell’ultimo errore che ha attivato il servizio per persone che si trovavano a centinaia di chilometri di distanza dall’ultimo attentato in Pakistan.

Ultime News
Il servizio di Mobile Ticketing arriva ad Ancona

Il servizio di Mobile Ticketing arriva ad Ancona

Con ATMA e Conerobus basta un sms per salire a bordo dei bus.

HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC Desire 10 lifestyle sarà disponibile a partire dalla fine di settembre.

World Payments Report 2016: i pagamenti digitali registreranno una crescita del 10%

World Payments Report 2016: i pagamenti digitali registreranno una crescita del 10%

La richiesta di soluzioni digitali e la rivoluzione delle FinTech alimentano il bisogno di...

Cyberbullismo, Telefono Azzurro: bene, ma restano perplessità su questione età

Cyberbullismo, Telefono Azzurro: bene, ma restano perplessità su questione età

Telefono Azzurro: "Nonostante le perplessità sulla questione delle età e su alcuni strumenti di...

Cyberbullismo: Save the Children esprime forti preoccupazioni sulla proposta di legge approvata dalla Camera

Cyberbullismo: Save the Children esprime forti preoccupazioni sulla proposta di legge approvata dalla Camera

Rispetto agli aspetti sanzionatori, l'Organizzazione raccomanda un approccio che privilegi azioni...

Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

L'86% degli italiani pensa che le banche siano più affidabili nella fornitura di sistemi di...



Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media