i Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook | BitCity.it
APC
Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Dopo l'attentato di Lahore in Pakistan,il servizio di Facebook Safety Check è stato attivato anche per utenti di altri Paesi.

Pubblicato: 30/03/2016 16:10

di: redazione social media

   

Safety Check, il servizio di Facebook che viene attivato in casi di tragedie, attentati e calamità e che chiede all’utente se sta bene, dopo l’attentato del giorno di Pasqua in Pakistan, a Lahore, è stato attivato anche per utenti di altri Paesi costringendo i vertici del social network alle scuse.
Il servizio, dopo la risposta dell’utente alla domanda “Stai bene?” invia immediatamente una notifica a tutti i contatti presenti in  rubrica.
Un servizio certamente utile e importante in situazioni drammatiche se ancora una volta non fosse stato compiuto un errore di localizzazione: la domanda è stata infatti inviata anche a molte persone lontane dai fatti dell’attentato.
I responsabili di Facebook hanno ammesso che un tale errore è in contrasto con lo scopo del servizio. 
In ogni caso, ancora una volta Safety Check è finito sotto accusa per il funzionamento tutt’altro che efficace.
Il social network blu ha lavorato velocemente per risolvere la questione scusandosi con chiunque abbia per errore ricevuto la notifica.
Questo sistema era stato collaudato una prima volta per lo tsunami in Giappone nel 2011. In seguito era stato utilizzato dopo gli attentati di Parigi a novembre: in quell’occasione oltre 4 milioni di persone sono riuscite a rassicurare i propri cari sul proprio stato, con oltre 350 milioni di notifiche inviate.
Non sempre Safety Check è entrato però in servizio. Ci sono state molte altre tragedie in vari angoli del mondo in cui l’intelligente sistema di comunicazione non è stato utilizzato: per questo si sono alzate numerose critiche.
Secondo alcuni esperti tutto dipende dall’algoritmo che registra il traffico di attività social e analizza il tipo di richiesta.
Non si conosce, invece, la causa dell’ultimo errore che ha attivato il servizio per persone che si trovavano a centinaia di chilometri di distanza dall’ultimo attentato in Pakistan.

Ultime News
Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

FormBook è un software per furti di dati e un intercettatore di dati in form, pubblicizzato su...

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Quest’anno Lenovo e Motorola portano al Festival esperienze ricche di innovazione, dal gaming al...

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Bixby 2.0 sarà aperto agli sviluppatori in modo da integrare l'assistente vocale in altri...

 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Cefriel: in un attacco di

Cefriel: in un attacco di "phishing"fino al 60% degli utenti "abbocca"

In media a un hacker bastano tre mail per ottenere un click sul link potenzialmente malevolo...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media