APC
Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Dopo l'attentato di Lahore in Pakistan,il servizio di Facebook Safety Check è stato attivato anche per utenti di altri Paesi.

Pubblicato: 30/03/2016 16:10

di: redazione social media

   

Safety Check, il servizio di Facebook che viene attivato in casi di tragedie, attentati e calamità e che chiede all’utente se sta bene, dopo l’attentato del giorno di Pasqua in Pakistan, a Lahore, è stato attivato anche per utenti di altri Paesi costringendo i vertici del social network alle scuse.
Il servizio, dopo la risposta dell’utente alla domanda “Stai bene?” invia immediatamente una notifica a tutti i contatti presenti in  rubrica.
Un servizio certamente utile e importante in situazioni drammatiche se ancora una volta non fosse stato compiuto un errore di localizzazione: la domanda è stata infatti inviata anche a molte persone lontane dai fatti dell’attentato.
I responsabili di Facebook hanno ammesso che un tale errore è in contrasto con lo scopo del servizio. 
In ogni caso, ancora una volta Safety Check è finito sotto accusa per il funzionamento tutt’altro che efficace.
Il social network blu ha lavorato velocemente per risolvere la questione scusandosi con chiunque abbia per errore ricevuto la notifica.
Questo sistema era stato collaudato una prima volta per lo tsunami in Giappone nel 2011. In seguito era stato utilizzato dopo gli attentati di Parigi a novembre: in quell’occasione oltre 4 milioni di persone sono riuscite a rassicurare i propri cari sul proprio stato, con oltre 350 milioni di notifiche inviate.
Non sempre Safety Check è entrato però in servizio. Ci sono state molte altre tragedie in vari angoli del mondo in cui l’intelligente sistema di comunicazione non è stato utilizzato: per questo si sono alzate numerose critiche.
Secondo alcuni esperti tutto dipende dall’algoritmo che registra il traffico di attività social e analizza il tipo di richiesta.
Non si conosce, invece, la causa dell’ultimo errore che ha attivato il servizio per persone che si trovavano a centinaia di chilometri di distanza dall’ultimo attentato in Pakistan.

Ultime News
Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Il gioco sarà disponibile a ottobre. Più di 2.000 giocatori di rugby della stagione 2017-2018...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media