APC
Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Ancora un errore del servizio Safety Check di Facebook

Dopo l'attentato di Lahore in Pakistan,il servizio di Facebook Safety Check è stato attivato anche per utenti di altri Paesi.

Pubblicato: 30/03/2016 16:10

di: redazione social media

   

Safety Check, il servizio di Facebook che viene attivato in casi di tragedie, attentati e calamità e che chiede all’utente se sta bene, dopo l’attentato del giorno di Pasqua in Pakistan, a Lahore, è stato attivato anche per utenti di altri Paesi costringendo i vertici del social network alle scuse.
Il servizio, dopo la risposta dell’utente alla domanda “Stai bene?” invia immediatamente una notifica a tutti i contatti presenti in  rubrica.
Un servizio certamente utile e importante in situazioni drammatiche se ancora una volta non fosse stato compiuto un errore di localizzazione: la domanda è stata infatti inviata anche a molte persone lontane dai fatti dell’attentato.
I responsabili di Facebook hanno ammesso che un tale errore è in contrasto con lo scopo del servizio. 
In ogni caso, ancora una volta Safety Check è finito sotto accusa per il funzionamento tutt’altro che efficace.
Il social network blu ha lavorato velocemente per risolvere la questione scusandosi con chiunque abbia per errore ricevuto la notifica.
Questo sistema era stato collaudato una prima volta per lo tsunami in Giappone nel 2011. In seguito era stato utilizzato dopo gli attentati di Parigi a novembre: in quell’occasione oltre 4 milioni di persone sono riuscite a rassicurare i propri cari sul proprio stato, con oltre 350 milioni di notifiche inviate.
Non sempre Safety Check è entrato però in servizio. Ci sono state molte altre tragedie in vari angoli del mondo in cui l’intelligente sistema di comunicazione non è stato utilizzato: per questo si sono alzate numerose critiche.
Secondo alcuni esperti tutto dipende dall’algoritmo che registra il traffico di attività social e analizza il tipo di richiesta.
Non si conosce, invece, la causa dell’ultimo errore che ha attivato il servizio per persone che si trovavano a centinaia di chilometri di distanza dall’ultimo attentato in Pakistan.

Ultime News
Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Sindaco Sala: "Sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le...

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

Le integrazioni con l'app di Apple TV, Remote e universal research di Siri renderanno davvero...

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

L’Italia quest’anno è al terzo posto tra i Paesi Europei dove si spende di più on line per il...

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Il portale QualeScegliere.it ha selezionato e testato le migliori app gratuite disponibili per...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media