APC
Microsoft vieta le password banali

Microsoft vieta le password banali

Microsoft ha deciso di combattere gli hacker imponendo agli utenti di Skype, Outlook e Azure AD di cambiare le password più banali.

Pubblicato: 30/05/2016 18:55

di: redazione social media

   

Microsoft ha scelto di adottare una linea dura contro gli hacker e gli utenti poco accorti: non solo si limiterà a consigliare password sicure, ma bannerà quelle banali e stupide (un esempio? “password”). Se il sistema riconoscerà infatti una parola abusata dagli utenti forzerà questi ultimi a crearne una più complessa.
Il meccanismo sarà applicato agli utenti di Skype, Outlook e Azure AD.
Ad annunciare la novità, nel blog aziendale rivolto agli sviluppatori, è stato Alex Simos, responsabile del Program Management della stessa Microsoft: a supporto della decisione viene citato il caso Linkedin, che si è vista coinvolta nel furto di circa 117 milioni di credenziali.

Ultime News
Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Si guarda la vetrina, ma poi si compra online. Un acquirente su due sceglie con lo smartphone.

Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media