Speciale SSD
Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea con l'obiettivo di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.

Pubblicato: 31/05/2016 15:50

di: redazione social media

   

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea al fine di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.
Le aziende americane hanno accettato un codice di condotta comune che prevede di esaminare le denunce circa il comportamento degli utenti.
Si tratta di un evento molto atteso a Bruxelles, vista la minaccia crescente di atti terroristici in Europa, che dopo i tragici fatti di Parigi e appunto Bruxelles, ha subito l'accelerazione definitiva.
E' certamente un risultato importante, visto che, come è emerso dalle indagini, parte della cellula terroristica che ha attaccato il cuore dell'Europa ha utilizzato canali come i social network per comunicare e pianificare gli attentati.
Vera Jourova, Commissario europeo per la giustizia, la tutela dei consumatori e l'uguaglianza di genere, ha ricordato come i social media siano fra gli strumenti usati dai gruppi terroristici per radicalizzare il loro sentimento fra i giovani e per diffondere violenza e odio. 
La Jourova ha poi aggiunto che l’accordo raggiunto costituisce un importante passo avanti per garantire che Internet rimanga un luogo di espressione libera e democratica, in cui vengono rispettati i valori e le leggi europee.
Le aziende coinvolte si impegneranno nel reprimere qualsiasi informazione illegale inviata o postata dagli utenti con indirizzo IP con sede in uno Stato membro o comunque accessibile agli utenti di qualsiasi Paese europeo.
E’ vero che un impegno simile da parte dei social network esiste già, ma con tempistiche non certe e al cui controllo sfuggono molti contenuti.
Le big tecnologiche dispongono di sistemi efficienti per esaminare le richieste giustificate e rimuovere i contenuti illegali entro 24 ore.
Le aziende coinvolte hanno espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto che consentirà di lavorare insieme all'UE per identificare e screditare i contenuti estremisti e promuovere programmi educativi che incoraggino il pensiero critico.
L'idea comune è quella di educare gli utenti circa il comportamento da tenere online.

Ultime News
Android, incremento dei ransomware del 50% in un anno

Android, incremento dei ransomware del 50% in un anno

Secondo una ricerca ESET, gli attacchi ransomware su dispositivi Android sono cresciuti del 50%...

Instagram, disponibili i post multipli

Instagram, disponibili i post multipli

Da oggi, su Instagram, è possibile selezionare fino a 10 contenuti (tra immagini e video) da...

Windows 10, aggiornamenti per la Posta e il Calendario

Windows 10, aggiornamenti per la Posta e il Calendario

Microsoft ha aggiornato la sua applicazione Posta e Calendario per Windows 10 con alcune...

Apple Park aprirà ad aprile

Apple Park aprirà ad aprile

Il sogno di Steve Jobs si sta per avverare: aprirà infatti ad aprile Apple Park, il nuovo campus...

Bebe Vio minacciata a e insultata su Facebook

Bebe Vio minacciata a e insultata su Facebook

La giovane atleta paralimpica Bebe Vio è stata insultata e minacciata su Facebook. La pagina è...

Apple acquista iCloud.net

Apple acquista iCloud.net

Apple ha appena comprato il dominio iCloud.net, fino a pochi giorni fa associato ad "iCloud...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media