APC
Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea con l'obiettivo di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.

Pubblicato: 31/05/2016 15:50

di: redazione social media

   

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea al fine di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.
Le aziende americane hanno accettato un codice di condotta comune che prevede di esaminare le denunce circa il comportamento degli utenti.
Si tratta di un evento molto atteso a Bruxelles, vista la minaccia crescente di atti terroristici in Europa, che dopo i tragici fatti di Parigi e appunto Bruxelles, ha subito l'accelerazione definitiva.
E' certamente un risultato importante, visto che, come è emerso dalle indagini, parte della cellula terroristica che ha attaccato il cuore dell'Europa ha utilizzato canali come i social network per comunicare e pianificare gli attentati.
Vera Jourova, Commissario europeo per la giustizia, la tutela dei consumatori e l'uguaglianza di genere, ha ricordato come i social media siano fra gli strumenti usati dai gruppi terroristici per radicalizzare il loro sentimento fra i giovani e per diffondere violenza e odio. 
La Jourova ha poi aggiunto che l’accordo raggiunto costituisce un importante passo avanti per garantire che Internet rimanga un luogo di espressione libera e democratica, in cui vengono rispettati i valori e le leggi europee.
Le aziende coinvolte si impegneranno nel reprimere qualsiasi informazione illegale inviata o postata dagli utenti con indirizzo IP con sede in uno Stato membro o comunque accessibile agli utenti di qualsiasi Paese europeo.
E’ vero che un impegno simile da parte dei social network esiste già, ma con tempistiche non certe e al cui controllo sfuggono molti contenuti.
Le big tecnologiche dispongono di sistemi efficienti per esaminare le richieste giustificate e rimuovere i contenuti illegali entro 24 ore.
Le aziende coinvolte hanno espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto che consentirà di lavorare insieme all'UE per identificare e screditare i contenuti estremisti e promuovere programmi educativi che incoraggino il pensiero critico.
L'idea comune è quella di educare gli utenti circa il comportamento da tenere online.

Ultime News
Galaxy Note 8, il 25 agosto al via i preordini

Galaxy Note 8, il 25 agosto al via i preordini

Samsung ha confermato che il prossimo 23 agosto terrà una conferenza stampa durante la quale...

Apple dice addio agli iPod Nano e Shuffle

Apple dice addio agli iPod Nano e Shuffle

Apple ha deciso di mandare in pensione le versioni Nano e Shuffle del mitico iPod. L'unico a...

PlayStation Plus, dal 31 agosto nuovi prezzi per gli abbonamenti

PlayStation Plus, dal 31 agosto nuovi prezzi per gli abbonamenti

Sony ha informato i propri utenti PlayStation Plus che dal 31 agosto saranno modificati i prezzi...

Google, bye bye Instant Search

Google, bye bye Instant Search

Google ha deciso di dire addio alla “Instant search”, la funzione che permetteva di vedere i...

Falsa partenza per WiFi Italia

Falsa partenza per WiFi Italia

Problemi per l'avvio di Wifi.Italia.it, il progetto lanciato per permettere di navigare online...

WhatsApp da record, un miliardo di utenti al giorno

WhatsApp da record, un miliardo di utenti al giorno

WhatsApp varca la soglia-record di un miliardo di utenti quotidiani: nel Mondo, un abitante su...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media