APC
Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google, Microsoft e Twitter contro l’odio online

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea con l'obiettivo di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.

Pubblicato: 31/05/2016 15:50

di: redazione social media

   

Facebook, Google (Alphabet), Microsoft e Twitter hanno trovato un accordo con l’Unione Europea al fine di rimuovere eventuali contenuti che incitano all’odio o al terrorismo.
Le aziende americane hanno accettato un codice di condotta comune che prevede di esaminare le denunce circa il comportamento degli utenti.
Si tratta di un evento molto atteso a Bruxelles, vista la minaccia crescente di atti terroristici in Europa, che dopo i tragici fatti di Parigi e appunto Bruxelles, ha subito l'accelerazione definitiva.
E' certamente un risultato importante, visto che, come è emerso dalle indagini, parte della cellula terroristica che ha attaccato il cuore dell'Europa ha utilizzato canali come i social network per comunicare e pianificare gli attentati.
Vera Jourova, Commissario europeo per la giustizia, la tutela dei consumatori e l'uguaglianza di genere, ha ricordato come i social media siano fra gli strumenti usati dai gruppi terroristici per radicalizzare il loro sentimento fra i giovani e per diffondere violenza e odio. 
La Jourova ha poi aggiunto che l’accordo raggiunto costituisce un importante passo avanti per garantire che Internet rimanga un luogo di espressione libera e democratica, in cui vengono rispettati i valori e le leggi europee.
Le aziende coinvolte si impegneranno nel reprimere qualsiasi informazione illegale inviata o postata dagli utenti con indirizzo IP con sede in uno Stato membro o comunque accessibile agli utenti di qualsiasi Paese europeo.
E’ vero che un impegno simile da parte dei social network esiste già, ma con tempistiche non certe e al cui controllo sfuggono molti contenuti.
Le big tecnologiche dispongono di sistemi efficienti per esaminare le richieste giustificate e rimuovere i contenuti illegali entro 24 ore.
Le aziende coinvolte hanno espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto che consentirà di lavorare insieme all'UE per identificare e screditare i contenuti estremisti e promuovere programmi educativi che incoraggino il pensiero critico.
L'idea comune è quella di educare gli utenti circa il comportamento da tenere online.

Ultime News
Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Si guarda la vetrina, ma poi si compra online. Un acquirente su due sceglie con lo smartphone.

Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media