APC
Scoperta “MaliciousChat”, una falla nella sicurezza di Facebook

Scoperta “MaliciousChat”, una falla nella sicurezza di Facebook

Il suo nome è MaliciousChat ed è una falla nel sistema di chat di Facebook, un varco che permette truffe e virus modificando i messaggi degli utenti.

Pubblicato: 08/06/2016 16:10

di: redazione social media

   

MaliciousChat è il nome dato alla falla nel sistema di chat del social network Facebook, un varco che permette truffe e virus modificando i messaggi degli utenti.
Una vera e propria porta aperta che ha messo a rischio milioni di utenti e che è stata sbarrata solo nelle scorse ore.
L’azienda di sicurezza informatica che l’ha scoperta si chiama Check Point: MaliciousChat consiste nella vulnerabilità di Messenger, il sistema di chat di Facebook. 
La falla scoperta costituiva un varco aperto per gli hacker nei messaggi personali degli utenti sia da computer, sia da smartphone o tablet.
Ogni singolo messaggio è caratterizzato da un numero univoco e con questo Id, e attraverso un proxy, un server "nascosto" che funge da intermediario, hacker ben informati potevano intervenire sui messaggi personali degli utenti.  
Le conseguenze si possono immaginare: i messaggi potevano essere modificati, si poteva cambiare la cronologia della conversazione per mettere in atto truffe, magari cambiando i termini di un accordo.
Da considerare che in molti Paesi, come negli Stati Uniti, le chat di Facebook sono spesso accolte in tribunale come prove in un’indagine o in una controversia. La falla poteva diventare un facile veicolo di virus e ransomware, tra le più pericolose insidie informatiche degli ultimi anni.
Sono infatti file inviati via email o inseriti nelle nostre chat e sono in grado di "congelare" pc e smartphone fino al pagamento di un riscatto, pena l’uccisione remota del dispositivo.
Tale vulnerabilità può essere anche un veicolo per distribuire malware.
Un attacco su MalicousChat può cambiare un link o inserire un file all’interno di una nostra conversazione e indurci a cliccare, poiché apparentemente l’invio avviene da un nostro amico.

Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Si guarda la vetrina, ma poi si compra online. Un acquirente su due sceglie con lo smartphone.

Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media