Speciale SSD
Strage di Orlando, Facebook attiva il Safety Check

Strage di Orlando, Facebook attiva il Safety Check

Dopo la strage di Orlando, Facebook ha attivato il Safety Check, uno strumento che consente a chi si trova in luoghi interessati da attentati o catastrofi naturali di far sapere ai propri contatti che sta bene.

Pubblicato: 13/06/2016 15:45

di: redazione social media

   

A seguito della strage di Orlando, Facebook ha attivato il Safety Check, uno strumento che consente a chi si trova in luoghi interessati da attentati o catastrofi naturali di far sapere ai propri contatti che sta bene.
Fino ad oggi, il Safety Check era stato reso disponibile per gli attentati di Parigi del 13 novembre, quelli in Nigeria del 17 novembre, di Bruxelles il 22 marzo e di Lahore, in Pakistan, il 27 marzo. Prima degli attentati di Parigi, lo strumento era stato attivato soltanto in presenza di disastri naturali, come terremoti e tsunami.
Nei mesi scorsi, Safety Check aveva sollevato diverse critiche: perché per la capitale francese è stato attivato e, per esempio, per gli attacchi di Beirut no? 
Dal canto suo, il social network blu aveva risposto alle critiche attraverso un post pubblicato dal vice presidente Alex Schultz, il quale sottolineava come quella di Parigi fosse stata la prima volta in cui il Safety Check è stato attivato per una situazione di pericolo al di fuori della sfera delle calamità naturali.
Ricordiamo che l'importante strumento è nato in occasione del terremoto e dello tsunami che ha colpito il Giappone nel 2011 ed è stato poi riproposto in occasione di eventi come maremoti, trombe d'aria o altri cataclismi naturali.
Nei giorni scorsi, lo strumento è stato reso disponibile a tutti gli utenti che si trovavano nelle vicinanze del club in cui un uomo ha ucciso 50 persone.
Gli iscritti a Facebook che si sono geolocalizzati nelle vicinanze del luogo della tragedia, rivendicata nel corso delle ultime ore dall'Isis, sono state raggiunte da una notifica che chiedeva di confermare il proprio stato di salute, in modo da far sapere ai contatti di essere al sicuro. 



Ultime News
Con Deezer Family la musica è un affare di famiglia

Con Deezer Family la musica è un affare di famiglia

Deezer lancia una nuova offerta per famiglie per condividere ricordi in musica.

Microsoft, Renault e Nissan insieme per l'auto connessa

Microsoft, Renault e Nissan insieme per l'auto connessa

Microsoft, Renault e Nissan insieme per lo sviluppo di servizi di mobilità di nuova generazione...

Arriva OpeNoise, l'app per misurare il rumore

Arriva OpeNoise, l'app per misurare il rumore

OpeNoise è un'app che permette di utilizzare i dispositivi portatili Android come fonometri per...

Allo, oltre un milione di download dal debutto

Allo, oltre un milione di download dal debutto

A soli tre giorni dal lancio, Allo, la chat di Google, ha superato un milione di download sui...

Il servizio di Mobile Ticketing arriva ad Ancona

Il servizio di Mobile Ticketing arriva ad Ancona

Con ATMA e Conerobus basta un sms per salire a bordo dei bus.

HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC Desire 10 lifestyle sarà disponibile a partire dalla fine di settembre.



Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media