APC
Con Google avremo la diagnosi delle nostre malattie

Con Google avremo la diagnosi delle nostre malattie

Sta per partire, negli USA, un nuovo servizio di Google che formula una prima diagnosi indicativa su quello che potremmo avere.

Pubblicato: 22/06/2016 14:40

di: redazione social media

   

Dai prossimi giorni partirà in fase di test negli Stati Uniti un nuovo servizio di Google, che formula una prima diagnosi indicativa su quello che potremmo avere.
Un esempio? Chiedendo al motore di ricerca “mal di testa da un lato”, comparirà una lista di possibili problemi collegati a questo sintomo, seguita da consigli su rimedi di automedicazione, ma anche suggerimenti sul tipo di specialista da contattare. 
Il  nuovo servizio di Google fornisce quindi la diagnosi medica dei sintomi e indica una cura da seguire, non sostituendosi però al medico.  
L’idea è partita dal fatto che circa l’1% di tutte le ricerche effettuate su Google sono richieste su malattie e sintomi.
Questo significa che milioni di query quotidiane si focalizzano sulla salute personale. 
Google ha così deciso di proporre agli utenti questo nuovo servizio che si basa sui dati medici accumulati e sul conseguente apprendimento dei propri sistemi su sintomi, patologie, diagnosi e cure. 
Con i propri sistemi di intelligenza artificiale Google ha elaborato una tale quantità di dati nel tempo che ora è in grado di fornire una diagnosi in funzione dei disturbi che avvertiamo.
Nei laboratori di Mountain View è stato quindi realizzato un database di sintomi basandosi sulle keyword più gettonate dagli utenti, messi a confronto con altri dati sulla salute raccolti da Knowledge Graph.
Alla creazione del servizio hanno partecipato anche medici della Harvard Medical School e della Mayo Clinic
Viene ribadito che il nuovo servizio costituisce uno strumento per saperne di più in tempi brevi e non di metodo innovativo per curarsi: la figura ed il ruolo del medico è e resta insostituibile.

Ultime News
3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 arricchisce così le proprie offerte il proprio portafoglio di prodotti con l’intrattenimento on...

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp è un'applicazione che aiuta a risparmiare denaro per le proprie vacanze in modo facile e...

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

A novembre l’Italia peggiora e scala dieci posizioni nella classifica mondiale dei paesi più...

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

I cybercriminali hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e...

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media