APC
La Brexit utilizzata per diffondere spam

La Brexit utilizzata per diffondere spam

Secondo i ricercatori del Symantec Threat Intelligence, le mail di spam con questo termine nell'oggetto sono aumentate del 392% dopo il referendum.

Pubblicato: 06/07/2016 15:25

di: Redazione BitCity

   

Subito dopo i risultati del referendum sull'uscita o meno della Gran Bretagna dall'Unione Europea, i ricercatori del Symantec Threat Intelligence hanno identificato e bloccato il 392% in più di mail di spam che presentavano il termine “Brexit” nell’oggetto per raggiungere meglio le persone e le aziende attraverso gli strumenti di social engineering, una tattica che gli hacker usano per convincere le persone a divulgare informazioni sensibili o istallare malware nei propri computer.
Tra il 9 e il 23 giugno, il numero di mail rintracciate e bloccate da Symantec tra i suoi clienti è stato di 81.323 - questo numero è quindi aumentato considerevolmente fino a raggiungere quota 399.892 tra il 24 giugno e il 5 luglio
Peter Coogan, di Symantec Security Response, ha dichiarato: “Minacce come lo spam, il phishing e i malware, che sfruttano gli eventi più importanti del momento per provare a sottrarre soldi alle persone, continuano a essere metodi molto redditizi usati dai cyber criminali per costringere i consumatori e le aziende a condividere informazioni personali e finanziarie. Questi truffatori informatici continuano a mettere a punto nuove mail da inviare e sfruttano gli eventi di attualità per giocare con le emozioni delle persone. Il notevole aumento dello spam relativo alla Brexit non è quindi una sorpresa, anche considerando la grande attenzione che questa notizia sta generando a livello internazionale”. Il Social Engineering può essere uno strumento efficace usato dagli hacker, dato che si concentra sull’unico elemento su cui sarebbe impossibile inserire una patch o installare un software di sicurezza: l’essere umano.
La migliore difesa contro il social engineering è la formazione”, ha aggiunto Coogan. “Se non si conosce il mittente, non bisogna aprire la mail, non si deve cliccare sui link al suo interno e nemmeno scaricare gli eventuali allegati. E’ una buona idea avere istallato un solido software di sicurezza internet multi-livello su tutti i terminali, e le aziende dovrebbero considerare la possibilità di realizzare dei corsi per il proprio personale al fine di aiutare i dipendenti a rendere sicuri non solo i dati della società, ma anche i propri”.

Ultime News
Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Il gioco sarà disponibile a ottobre. Più di 2.000 giocatori di rugby della stagione 2017-2018...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media