i Pokemon Go, Telefono Azzuro: attenzione ai potenziali rischi per bambini e adolescenti | BitCity.it
APC
Pokemon Go, Telefono Azzuro: attenzione ai potenziali rischi per bambini e adolescenti

Pokemon Go, Telefono Azzuro: attenzione ai potenziali rischi per bambini e adolescenti

La combinazione di realtà aumentata e geo-localizzazione potrebbe permettere a malintenzionati di adescare minori, in estate più soli e “connessi”.

Pubblicato: 18/07/2016 09:55

di: Redazione BitCity

   

La nuova app Pokemon Go, che si preannuncia come una vera e propria tendenza dell’estate, impone una riflessione sui potenziali rischi di alcuni giochi online per bambini e adolescenti. Proprio in un momento delicato e critico come il periodo estivo, in cui i più piccoli non vanno a scuola, hanno più tempo libero, sono più soli e quindi sempre più “connessi”.
La realtà aumentata e la geolocalizzazione, che costituiscono i principi fondamentali del gioco, rischiano di esporre i piccoli giocatori a non pochi pericoli, primo fra tutti l’adescamento da parte di adulti malintenzionati, con gli scopi più diversi, dalla rapina all’abuso sessuale. Questo perché l’applicazione coniuga le basi del videogioco con il mondo reale: per catturare i pokemon occorre spostarsi fisicamente nello spazio.
Episodi come quello del Missouri, dove tramite l’applicazione quattro rapinatori armati hanno attirato e derubato 11 adolescenti in una zona isolata, non devono più accadere. Così come devono essere scongiurati i rischi di investimenti o incidenti stradali, per distrazione.

pokemon-go-telefono-azzuro-attenzione-ai-potenzial-1.jpg
“Nel mondo virtuale, purtroppo, le differenze di età sono annullate. E questo rischia di essere una grossa fonte di pericoli per i minori, che si ritrovano soli e senza difese, esposti alle mire di malintenzionati”, ha commentato Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile, “E’ proprio in questi spazi, che si insinuano sempre di più i fenomeni dell’adescamento online e della pedofilia. Da un lato, occorre che bambini e ragazzi sviluppino una maggiore responsabilità nell’uso di questi strumenti. Su questo Telefono Azzurro promuove, da anni, attività di prevenzione, formazione nelle scuole,ascolto e intervento, con l’obiettivo di promuovere un uso sicuro del web. Dall’altro, sono le aziendesviluppatrici di nuove tecnologie a dover giocare un ruolo chiave per garantire che gli strumenti da loro promossi non possano in nessun modo mettere a rischio i minori”.
Per promuovere il tema della sicurezza in Rete, Telefono Azzurro ha lanciato la campagna DIVENTA UN DIGITAL SUPPORTER #TAdigitalsupporter, che mira a costituire una rete di volontari digitali pronti a diffondere attraverso i social informazioni e materiali sul tema dell’Internet sicuro e segnalare potenziali pericoli, chiamando subito l’1.96.96 o scrivendo a www.azzurro.it/chat.

Ultime News
Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Un gruppo di dipendenti di HTC - molti dei quali sono al lavoro sullo smartphone Pixel -...

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

A meno di dieci giorni dal lancio dell'iPhone 8 eBay traccia il profilo dell'iPhoneconomy: su...

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

iOS 11: ecco come fare l'aggiornamento al più recente OS di Apple

Una scheda sintentica su come effettuare l'aggiornamemto a iOs 11 sia in modalità wireless sia...

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

Riparte 18App, il bonus cultura per i nati nel 1999

I diciottenni potranno utilizzarlo per assistere tra l'altro a rappresentazioni teatrali e...

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Point: le app anti-virus proteggono o infettano?

Check Pointscopre che un'applicazione, chiamata DU Antivirus Security, raccoglieva i dati degli...

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

Amazon Prime Video: accordo con 20th Century Fox per distribuire This Is Us

L'accordo pluriennale comprende anche la diffusione con Prime Video della serie horror The...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media