APC
Pokemon Go, a Padova la prima multa

Pokemon Go, a Padova la prima multa

Due giovani padovani sono stati multati mentre giocavano a Pokémon Go sul motorino. Il motivo? Giravano in due su un cinquantino, con gli smartphone in mano e senza documenti.

Pubblicato: 19/07/2016 18:10

di: redazione smartphone e app

   

Due giovani padovani sono stati multati mentre giocavano a Pokémon Go sul motorino all'alba.
Nello specifico, i ragazzi hanno deciso di girare la città per catturare quanti più Pokémon possibile con la celebre applicazione Pokémon Go, che consente ai giocatori di cercare e catturare i mostriciattoli tascabili nel mondo reale.
Fin qui, nulla di strano. Qual è stato, dunque, il vero motivo della multa? Giravano in due su un cinquantino, con gli smartphone in mano e, soprattutto, senza documenti.
E' scattata così la sanzione da 210 Euro, nonostante la giustificazione del giovane alla guida: "Mi sono dimenticato sia dell'assicurazione, sia della patente perché mi sono svegliato alle 5 per cercare i Pokémon".
Marcello, 20 anni, e Arturo, 19 anni, (questi i nomi dei due giovani) sono due veterani di Pokémon Go, nonostante il gioco sia uscito recentemente, precisamente lo scorso 6 luglio: ormai hanno sfiorato entrambi il 21esimo livello. 
"Eravamo liberi di muoverci come volevamo, ai 10-15 all'ora, senza pericoli di auto e traffico. Forse ci siamo fatti prendere un po' troppo e alle 8, quando più di qualcuno si era messo in strada, i carabinieri ci hanno notati e ci hanno fermato" hanno spiegato.
"I carabinieri sono inizialmente parsi molto diffidenti e severi, poi quando abbiamo spiegato che eravamo a caccia di Pokémon si sono quasi messi a ridere" hanno raccontato, sottolineando come tuttavia l'ilarità non li abbia salvati da una salata multa.  
"Poteva andarci peggio. Abbiamo fatto presente ai carabinieri di prepararsi: da qui in poi le multe ‘per Pokémon' saranno sempre di più", hanno concluso.

Ultime News
Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Il mobile supera il Pc per gli acquisti sul web

Si guarda la vetrina, ma poi si compra online. Un acquirente su due sceglie con lo smartphone.

Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media