Speciale SSD
Arbor Networks: in aumento gli attacchi DDoS, 124.000 eventi a settimana negli ultimi 18 mesi

Arbor Networks: in aumento gli attacchi DDoS, 124.000 eventi a settimana negli ultimi 18 mesi

Le dimensioni dell'attacco più grande aumentano del 73% rispetto al 2015 e raggiungono 579Gbps.

Pubblicato: 21/07/2016 10:05

di: Redazione BitCity

   

Arbor Networks ha pubblicato oggi i dati globali sugli attacchi DDoS per i primi sei mesi del 2016, i quali mostrano un aumento continuo sia della dimensione che della frequenza degli attacchi.    I dati Arbor sono raccolti tramite ATLAS, una collaborazione con più di 330 clienti service provider che condividono con Arbor dati anonimi relativi al traffico al fine di fornire una vista aggregata completa del traffico globale e delle minacce.
ATLAS fornisce i dati per la Digital Attack Map, una visualizzazione del traffico globale di attacchi creata in collaborazione con Google Ideas. I dati ATLAS sono stati utilizzati recentemente anche nel Visual Networking Index Report di Cisco e nel Data Breach Incident Report di Verizon. 
Gli attacchi DDoS continuano ad essere utilizzati di frequente, sfruttando la disponibilità immediata di tool gratuiti e servizi online a basso costo che permettono a chiunque sia in possesso di un grievance e di una connessione internet di lanciare un attacco. Ciò ha comportato un aumento sia della frequenza che della dimensione e della complessità degli attacchi negli ultimi anni. 
  • ATLAS ha registrato una media di 124.000 eventi a settimana negli ultimi 18 mesi.
  • Un aumento del 73% della dimensione massima degli attacchi rispetto al 2015, che ha raggiunto 579Gbps.
  • 274 attacchi superiori a 100Gbps rilevati nella prima metà del 2016, contro i 223 registrati in tutto il 2015.
  • 46 attacchi superiori a 200Gbps rilevati nella prima metà del 2016, contro i 16 registrati in tutto il 2015.
  • USA, Francia e Gran Bretagna sono i principali obiettivi degli attacchi superiori a 10Gbps.
Il team Security Engineering & Research di Arbor (ASERT) ha recentemente dimostrato che i grandi attacchi DDoS non richiedono l'uso di tecniche di riflessione/amplificazione. LizardStresser, una IoT botnet, è stata usata per lanciare attacchi che arrivavano a 400Gbps destinati a siti di gaming di tutto il mondo, istituzioni finanziarie brasiliane, ISP e istituzioni governative. Secondo ASERT, i pacchetti di attacchi non sembrano provenire da indirizzi di origine falsificati – e non è stato utilizzato nessun tipo di protocollo UDP con amplificazione come NTP o SNMP.

Ultime News
HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC presenta il nuovo HTC Desire 10 lifestyle

HTC Desire 10 lifestyle sarà disponibile a partire dalla fine di settembre.

World Payments Report 2016: i pagamenti digitali registreranno una crescita del 10%

World Payments Report 2016: i pagamenti digitali registreranno una crescita del 10%

La richiesta di soluzioni digitali e la rivoluzione delle FinTech alimentano il bisogno di...

Cyberbullismo, Telefono Azzurro: bene, ma restano perplessità su questione età

Cyberbullismo, Telefono Azzurro: bene, ma restano perplessità su questione età

Telefono Azzurro: "Nonostante le perplessità sulla questione delle età e su alcuni strumenti di...

Cyberbullismo: Save the Children esprime forti preoccupazioni sulla proposta di legge approvata dalla Camera

Cyberbullismo: Save the Children esprime forti preoccupazioni sulla proposta di legge approvata dalla Camera

Rispetto agli aspetti sanzionatori, l'Organizzazione raccomanda un approccio che privilegi azioni...

Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

L'86% degli italiani pensa che le banche siano più affidabili nella fornitura di sistemi di...

A #ioCondivido l'innovazione di Gnammo incontra l'economia tradizionale

A #ioCondivido l'innovazione di Gnammo incontra l'economia tradizionale

Sharing economy, innovazione e tecnologia incontrano l'economia tradizionale, per creare un...



Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media