Speciale SSD
G DATA: 9.468 nuovi malware per Android al giorno tra gennaio e giugno 2016

G DATA: 9.468 nuovi malware per Android al giorno tra gennaio e giugno 2016

G DATA pubblica il Mobile Malware Report per la prima metà del 2016: nuovi ransomware minacciano i dispositivi Android.

Pubblicato: 22/08/2016 12:10

di: Redazione BitCity

   

Con la fine del 2015 gli esperti di sicurezza G DATA avevano previsto un ulteriore incremento del malware per Android ma le attuali tipologie di attacco hanno raggiunto un nuovo livello di qualità: i ransomware prendono sempre più spesso di mira anche gli utenti Android.
Sinora i malware per Android raggiungevano lo smartphone degli utenti poiché questi ultimi scaricavano app da fonti non sicure. Nel frattempo i cybercriminali hanno trovato il modo di iniettare ransomware e altri malware sui device mobili senza alcuna interazione diretta con l'utente: basta una visita ad un sito per scaricare il malware sul dispositivo mobile tramite infezione "drive-by" (di passaggio).
Gli esperti G DATA illustrano il nuovo metodo di infezione nell'attuale G DATA Mobile Malware Report relativo al periodo gennaio/giugno 2016, ora disponibile online.
"Gli smartphone e i tablet sono stati oggetto di particolare interesse da parte dei cybercriminali e gli attacchi perpetrati sono stati notevolmente perfezionati, lato qualitativo, nel corso di questo primo semestre", spiega Christian Geschkat, Product Manager Soluzioni Mobili di G DATA. "Gli utenti dovrebbero dotare i propri dispositivi mobili di una protezione completa e assicurarsi di mantenere il sistema operativo sempre aggiornato[1]. In questo modo é possibile prevenire la maggior parte delle minacce".
Come funzionano le infezioni "drive-by"? I criminali accedono abusivamente a server web e creano siti manipolati ad arte, su cui attraggono eventuali utenti tramite spam o con campagne pubblicitarie. Quando vi si accede, il malware viene installato in modo invisibile sul dispositivo, sfruttando falle di sicurezza del sistema operativo Android ivi presente. Questa tipologia di attacco viene impiegata con crescente successo per infettare gli utenti con cavalli di Troja, preludio dell'installazione di ransomware, che criptano l'intero contenuto del dispositivo, chiedendo un riscatto in cambio della chiave di cifratura, o "congelano" il dispositivo e non permettono all'utente di accedere ai dati o a qualsiasi altra funzione, senza previo pagamento di un riscatto.
I quasi due milioni (1.723.265) di nuove app fraudolente o istanze di malware per Android apparse nella prima metà del 2016 equivalgono ad un incremento delle minacce superiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2015. In media gli esperti G DATA hanno rilevato 9.468 nuovi malware per Android su base giornaliera, ossia un nuovo campione di malware ogni 9 secondi.  In questa prima metà dell'anno gli analisti hanno già identificato più malware che nell'intero corso del 2014.
Il G DATA Mobile Malware Report H1/2016 (in lingua inglese) é reperibile al linksecure.gd/dl-en-mmwr201601.



Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media