Speciale SSD
Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Il problema dello smaltimento delle batterie di smartphone e tablet potrebbe presto essere risolto grazie a tre speciali funghi "minatori".

Pubblicato: 24/08/2016 18:40

di: redazione smartphone e app

   

Lo smaltimento delle batterie al litio di smartphone e tablet è un problema importante tanto quanto la durata delle stesse.
Una soluzione definitiva al problema potrebbe però presto essere adottata sfruttando dei funghi presenti in natura.
La scoperta è frutto di alcuni ricercatori dell’Università della Florida del sud ed è stata annunciata durante il convegno della Società Americana di Chimica (ACS), la più importante istituzione scientifica del mondo.
Secondo i ricercatori, il riciclo delle batterie sarebbe possibile grazie a tre microscopici funghi denominati “minatori”, presenti in natura, in grado di assorbire cobalto e litio attraverso un processo a zero impatto ambientale.
Il team di scienziati si è così espresso tramite le parole del  coordinatore dello studio, Jeffrey A. Cunningham: “L’idea è di uno studente che aveva già avuto esperienza nell’estrazione dei metalli dalle scorie prodotte dai processi di fusione. Stavamo osservando la rapida diffusione degli smartphone e degli alti prodotti con batterie ricaricabili e lì abbiamo concentrato la nostra attenzione. La richiesta di litio sta crescendo rapidamente, e le attività di estrazione non sono più sostenibili”.
Il nome dei funghi oggetto di studio sono Aspergillus niger, Penicillium simplicissimum e Penicillium chrysogenum.
“Li abbiamo selezionati – prosegue Cunningham – perché avevano già dimostrato di saper estrarre metalli da altri tipi di rifiuti. Abbiamo pensato che i meccanismi di estrazione potessero essere simili: in quel caso i funghi avrebbero potuto estrarre anche litio e cobalto dalle batterie esauste”.
Nel processo di decomposizione i funghi generano acidi organici, tra cui acido ossalico e acido citrico, ed è possibile estrarre fino all’85% del litio e fino al 48% del cobalto dai catodi di batterie esauste. Dopo l’esposizione ai funghi il cobalto e il litio rimangono in un ambiente acido liquido. Al momento il team è impegnato nel capire come estrarre i due elementi da tale liquido.

Ultime News
I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

I dati di idealo per Natale: in Italia, quasi 9 milioni gli acquirenti online

Hi-tech e gaming i settori più ricercati. Tendenze tutte italiane: acquisti mirati ai figli e...

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

TIM: lancia “SillyBully”, l’app mobile per contrastare il cyberbullismo

La nuova applicazione consente alle scuole di intraprendere campagne preventive e di far partire...

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

Tim: arriva in Italia l’App STUDIO+ per accedere a serie brevi e originali per smartphone

A febbraio arriva “Deep”, la serie franco-italiana che vede nel cast Ornella Muti e Caterina Murino.

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Eset: arrivano in Italia nuove varianti del ransomware Locky

Secondo i dati degli esperti di Eset, ScriptAttachment ha colpito nell’ultimo mese il 33% degli...

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Con Vodafone a Natale contenuti video senza consumare i giga sulla rete 4G

Arriva l'offerta di Natale per smartphone, tablet e PC dedicata ai clienti privati ricaricabile e...

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Polo Nord Portatile: in un’app tutta la magia del Natale

Da quest’anno anche in Italia è possibile ricevere una chiamata o un video messaggio...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media