i Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone | BitCity.it
APC
Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Il problema dello smaltimento delle batterie di smartphone e tablet potrebbe presto essere risolto grazie a tre speciali funghi "minatori".

Pubblicato: 24/08/2016 18:40

di: redazione smartphone e app

   

Lo smaltimento delle batterie al litio di smartphone e tablet è un problema importante tanto quanto la durata delle stesse.
Una soluzione definitiva al problema potrebbe però presto essere adottata sfruttando dei funghi presenti in natura.
La scoperta è frutto di alcuni ricercatori dell’Università della Florida del sud ed è stata annunciata durante il convegno della Società Americana di Chimica (ACS), la più importante istituzione scientifica del mondo.
Secondo i ricercatori, il riciclo delle batterie sarebbe possibile grazie a tre microscopici funghi denominati “minatori”, presenti in natura, in grado di assorbire cobalto e litio attraverso un processo a zero impatto ambientale.
Il team di scienziati si è così espresso tramite le parole del  coordinatore dello studio, Jeffrey A. Cunningham: “L’idea è di uno studente che aveva già avuto esperienza nell’estrazione dei metalli dalle scorie prodotte dai processi di fusione. Stavamo osservando la rapida diffusione degli smartphone e degli alti prodotti con batterie ricaricabili e lì abbiamo concentrato la nostra attenzione. La richiesta di litio sta crescendo rapidamente, e le attività di estrazione non sono più sostenibili”.
Il nome dei funghi oggetto di studio sono Aspergillus niger, Penicillium simplicissimum e Penicillium chrysogenum.
“Li abbiamo selezionati – prosegue Cunningham – perché avevano già dimostrato di saper estrarre metalli da altri tipi di rifiuti. Abbiamo pensato che i meccanismi di estrazione potessero essere simili: in quel caso i funghi avrebbero potuto estrarre anche litio e cobalto dalle batterie esauste”.
Nel processo di decomposizione i funghi generano acidi organici, tra cui acido ossalico e acido citrico, ed è possibile estrarre fino all’85% del litio e fino al 48% del cobalto dai catodi di batterie esauste. Dopo l’esposizione ai funghi il cobalto e il litio rimangono in un ambiente acido liquido. Al momento il team è impegnato nel capire come estrarre i due elementi da tale liquido.

Ultime News
 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Cefriel: in un attacco di

Cefriel: in un attacco di "phishing"fino al 60% degli utenti "abbocca"

In media a un hacker bastano tre mail per ottenere un click sul link potenzialmente malevolo...

5G, Ericsson: il 78% degli operatori TLC già al lavoro su sperimentazioni nel 2017

5G, Ericsson: il 78% degli operatori TLC già al lavoro su sperimentazioni nel 2017

Tra i piani per monetizzare il 5G figurano la migrazione degli abbonati dal 4G al 5G e...

La città con più follower sui social? Milano

La città con più follower sui social? Milano

Un'anteprima del rapporto ICity Rate 2017, il rating delle smart city italiane che sarà...

Wiwe: l'elettrocardiogramma arriva su smartphone

Wiwe: l'elettrocardiogramma arriva su smartphone

Wiwe è un generatore di elettrocardiogramma ECG, con forma e dimensioni di una carta di credito,...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media