APC
Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Funghi per riciclare le batterie al litio degli smartphone

Il problema dello smaltimento delle batterie di smartphone e tablet potrebbe presto essere risolto grazie a tre speciali funghi "minatori".

Pubblicato: 24/08/2016 18:40

di: redazione smartphone e app

   

Lo smaltimento delle batterie al litio di smartphone e tablet è un problema importante tanto quanto la durata delle stesse.
Una soluzione definitiva al problema potrebbe però presto essere adottata sfruttando dei funghi presenti in natura.
La scoperta è frutto di alcuni ricercatori dell’Università della Florida del sud ed è stata annunciata durante il convegno della Società Americana di Chimica (ACS), la più importante istituzione scientifica del mondo.
Secondo i ricercatori, il riciclo delle batterie sarebbe possibile grazie a tre microscopici funghi denominati “minatori”, presenti in natura, in grado di assorbire cobalto e litio attraverso un processo a zero impatto ambientale.
Il team di scienziati si è così espresso tramite le parole del  coordinatore dello studio, Jeffrey A. Cunningham: “L’idea è di uno studente che aveva già avuto esperienza nell’estrazione dei metalli dalle scorie prodotte dai processi di fusione. Stavamo osservando la rapida diffusione degli smartphone e degli alti prodotti con batterie ricaricabili e lì abbiamo concentrato la nostra attenzione. La richiesta di litio sta crescendo rapidamente, e le attività di estrazione non sono più sostenibili”.
Il nome dei funghi oggetto di studio sono Aspergillus niger, Penicillium simplicissimum e Penicillium chrysogenum.
“Li abbiamo selezionati – prosegue Cunningham – perché avevano già dimostrato di saper estrarre metalli da altri tipi di rifiuti. Abbiamo pensato che i meccanismi di estrazione potessero essere simili: in quel caso i funghi avrebbero potuto estrarre anche litio e cobalto dalle batterie esauste”.
Nel processo di decomposizione i funghi generano acidi organici, tra cui acido ossalico e acido citrico, ed è possibile estrarre fino all’85% del litio e fino al 48% del cobalto dai catodi di batterie esauste. Dopo l’esposizione ai funghi il cobalto e il litio rimangono in un ambiente acido liquido. Al momento il team è impegnato nel capire come estrarre i due elementi da tale liquido.

Ultime News
Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni diffusi dall’Agcom nel terzo trimestre le...

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

Sotto la lente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato gli aggiornamenti software...

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

 Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

I tour sono aperti a chiunque abbia compiuto 6 anni, fino ad un massimo di 35 partecipanti per...

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

I saldi di inizio anno fanno registrare un aumento delle spese da parte degli italiani del 34%...

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

I consumatori europei potranno cogliere tutti i vantaggi dell'acquisto in rete di prodotti e...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media