APC
Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

Visa, autenticazione biometrica: gli italiani più fiducia nelle banche che istituzioni

L'86% degli italiani pensa che le banche siano più affidabili nella fornitura di sistemi di autenticazione di pagamento biometrici.

Pubblicato: 22/09/2016 11:50

di: Redazione BitCity

   

Una recente ricerca commissionata da Visa evidenzia che, nel caso dei dati biometrici, quali impronte digitali e scansione dell'iride, gli italiani si fidano di più delle banche che di altre istituzioni, compresi gli enti pubblici e governativi. Infatti, circa 6 italiani su 10 ritengono che, quanto a garanzia di sicurezza nella custodia dei dati biometrici, siano più affidabili le banche (52%) rispetto a enti pubblici o altri organismi (29%).
Non solo, i nostri connazionali confidano più nella sicurezza dei dati biometrici custoditi dai circuiti di pagamento piuttosto che affidarli ad altri operatori: la pensa così il 32% degli italiani.
In termini di fornitura del servizio di autenticazione biometrica a conferma della propria identità, inoltre, la maggioranza dei consumatori italiani, circa 9 consumatori su 10 (86%, la più alta quota percentuale registrata in Europa) si affiderebbero a un servizio offerto da banche, mentre 8 su 10 a uno fornito da circuiti di pagamento (80%): quote percentuali che si posizionano sopra quelle relative a marchi globali che operano online (73%) e a società produttrici di smartphone e dispositivi mobili (69%).
In media oltre 7 consumatori italiani su 10 - 74%, anche in questo caso si tratta della quota percentuale più alta rilevata in Europa - utilizzerebbe la biometria come forma di autenticazione per i pagamenti. Tale percentuale sale ulteriormente al 79% nella fascia d'età compresa tra i 18 e i 24 anni. La crescente diffusione dell'autenticazione mediante impronte digitali per i pagamenti in mobilità sta facendo emergere un aumento generale della fiducia nei confronti di questo metodo di riconoscimento, nei confronti del quale il 78% degli italiani si sente totalmente propenso e a proprio agio, sia negli acquisti nei negozi fisici, sia online.
L'autenticazione mediante impronte digitali è la forma di autenticazione più popolare in Italia (83%) ed è anche vista come la forma più sicura di autenticazione di pagamento, preferita rispetto ad altre modalità biometriche quali la scansione dell'iride (79%) e il riconoscimento facciale (57%). Secondo un terzo degli italiani, inoltre, già entro il 2020 le forme biometriche di autenticazione diverranno preponderanti e andranno a sostituire o affiancare le forme tradizionali di riconoscimento attualmente utilizzate.

Ultime News
Apple dice addio agli iPod Nano e Shuffle

Apple dice addio agli iPod Nano e Shuffle

Apple ha deciso di mandare in pensione le versioni Nano e Shuffle del mitico iPod. L'unico a...

PlayStation Plus, dal 31 agosto nuovi prezzi per gli abbonamenti

PlayStation Plus, dal 31 agosto nuovi prezzi per gli abbonamenti

Sony ha informato i propri utenti PlayStation Plus che dal 31 agosto saranno modificati i prezzi...

Google, bye bye Instant Search

Google, bye bye Instant Search

Google ha deciso di dire addio alla “Instant search”, la funzione che permetteva di vedere i...

Falsa partenza per WiFi Italia

Falsa partenza per WiFi Italia

Problemi per l'avvio di Wifi.Italia.it, il progetto lanciato per permettere di navigare online...

WhatsApp da record, un miliardo di utenti al giorno

WhatsApp da record, un miliardo di utenti al giorno

WhatsApp varca la soglia-record di un miliardo di utenti quotidiani: nel Mondo, un abitante su...

Motorola presenta Moto Z2 Force

Motorola presenta Moto Z2 Force

Motorola ha annunciato Moto Z2 Force, in vendita negli USA a partire da 720 dollari.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media