Speciale SSD
 ESET: scoperto malware per Linux che chiede 250 mila dollari in Bitcoin come riscatto

ESET: scoperto malware per Linux che chiede 250 mila dollari in Bitcoin come riscatto

La nuova variante del malware KillDisk, collegata al famigerato gruppo BlackEnergy, codifica il contenuto dei sistemi Linux ma non è in grado di decodificarlo.

Pubblicato: 11/01/2017 14:55

di: Redazione BitCity

   

I ricercatori di ESET hanno individuato una variante Linux di KillDisk, il malware che è già stato utilizzato dal gruppo BlackEnergy per attacchi ai sistemi Windows di infrastrutture critiche in Ucraina alla fine del 2015 e contro una serie di obiettivi finanziari nel dicembre 2016. Questa nuova variante attacca i sistemi Linux, dalle workstation ai server, impedendone l’avvio e chiedendo un riscatto molto alto pari a 222 Bitcoin, circa 250 mila dollari, prima di crittografare i dati. Sembra però che pagare per il recupero dei file criptati sia uno spreco di tempo e denaro, dato che le chiavi crittografiche non vengono registrate dai criminali informatici né localmente né sono inviate ad un server in remoto, rendendo di fatto impossibile la decodifica dei dati.
I ricercatori di ESET hanno comunque individuato un errore nel processo crittografico utilizzato che rende possibile, se pur difficile, il ripristino dei dati. Per gli esperti di ESET KillDisk è l’esempio concreto del fatto che il pagamento del riscatto non deve mai essere considerata una soluzione in caso di infezione da ransomware. Non c’è infatti alcuna garanzia di recuperare effettivamente i dati e nel caso di KillDisk i criminali chiaramente non intendevano mantenere le loro promesse.
L’unico modo per proteggersi dalla minaccia ransomware è mantenere i sistemi sempre aggiornati scaricando le ultime patch, utilizzare una soluzione di sicurezza affidabile, effettuare periodicamente i backup e verificare le capacità di ripristino.

Ultime News
Apple Pay sempre più vicina all'Italia

Apple Pay sempre più vicina all'Italia

Apple Pay possiede la pagina ufficiale di supporto in lingua italiana: il sistema di pagamenti...

Ancora problemi di privacy per Windows 10

Ancora problemi di privacy per Windows 10

Microsoft aveva annunciato modifiche a Windows 10, per offrire agli utenti un maggiore controllo...

Telegram, su Android arrivano i temi personalizzabili

Telegram, su Android arrivano i temi personalizzabili

Novità per gli utenti Android di Telegram: l'ultimo aggiornamento dell'app presenta il supporto...

WhatsApp lancia la nuova funzione Status

WhatsApp lancia la nuova funzione Status

WhatsApp lancerà "Status", una nuova funzione con la quale si potranno inviare gli aggiornamenti...

Ultimi rumors su LG G6

Ultimi rumors su LG G6

I vertici di LG stanno ultimando i preparativi per la presentazione del loro nuovo top di gamma:...

Apple acquisisce RealFace per il riconoscimento facciale

Apple acquisisce RealFace per il riconoscimento facciale

Apple potrebbe aver acquisito la startup israeliana RealFace, specializzata in riconoscimento...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media