Speciale SSD
YouTube, accesso ai siti porno attraverso una falla

YouTube, accesso ai siti porno attraverso una falla

YouTube ospita una gran quantità di materiale protetto da copyright, anche pornografico. Ciò è possibile attraverso una falla che permette di caricare video sulla piattaforma tenendoli però privati.

Pubblicato: 18/01/2017 14:35

di: redazione social media

   

Dreamroom Productions, casa di produzione californiana che lavora nell’ambito dei contenuti a luci rosse ha così denunciato, in un post apparso online: "YouTube si sta trasformando in uno dei più sconfinati database di video pirata, anche di tipo pornografico".
Nello specifico, la società ha accusato il servizio Google di ospitare - in modo non del tutto inconsapevole - una quantità esorbitante di materiale protetto da copyright, caricato online da terzi sfruttando una scappatoia certamente ingegnosa ma illecita.
Il trucco, utilizzato da numerosi portali dediti allo streaming di materiale pirata, si basa su un’opzione che permette di caricare video sulla piattaforma tenendoli però privati.
Tali contenuti non compaiono nei risultati di ricerca, ma restano visibili a chi ne conosce l’indirizzo esatto e dunque a eventuali siti che li incorporano all’interno delle proprie pagine.
Big G può impiegare fino a tre settimane per scovare un video del genere dopo la sua messa online: si tratta senza dubbio di un lasso di tempo troppo lungo, che rende perciò conveniente agli amministratori dei siti pirata ripetere l’operazione all’infinito.
Per Dreamroom Productions la soluzione al problema è semplice e consta nel disattivare la funzione incriminata che apre le porte alla scappatoia, anche se è difficile che Google la metta in atto in questi termini: l’opzione è utile agli utenti attivi di YouTube, che sulla piattaforma caricano centinaia di migliaia di video legittimi ogni giorno e vogliono poter decidere quando renderli pubblici.
Sembra che l’unica strada percorribile sia dunque un potenziamento degli algoritmi usati per trovare i video illeciti ospitati in Rete dopo la loro prima comparsa.

Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Google fa causa a Uber per la guida autonoma

Google fa causa a Uber per la guida autonoma

Waymo, società di Google, ha denunciato Uber, accusandolo di essersi appropriato di progetti che...

Ultime novità su Huawei P10 Lite

Ultime novità su Huawei P10 Lite

Sembra che Huawei possa essere pronta a ufficializzare un nuovo smartphone, Huawei P10 Lite, che...

“Unebook per Amatrice”: i kindle di Amazon per la nuova biblioteca digitale di Amatrice

“Unebook per Amatrice”: i kindle di Amazon per la nuova biblioteca digitale di Amatrice

Il progetto, ideato da studenti e docenti dell’Università di Udine consente di donare libri...

Archos: al MWC 2017 l'azienda presenta gli smartphone ARCHOS 50 e 55 Graphite

Archos: al MWC 2017 l'azienda presenta gli smartphone ARCHOS 50 e 55 Graphite

Smartphone Archos Graphite: Dual-lens camera, sensore finger print, USB-C & e molto altro a...

Android, incremento dei ransomware del 50% in un anno

Android, incremento dei ransomware del 50% in un anno

Secondo una ricerca ESET, gli attacchi ransomware su dispositivi Android sono cresciuti del 50%...

Instagram, disponibili i post multipli

Instagram, disponibili i post multipli

Da oggi, su Instagram, è possibile selezionare fino a 10 contenuti (tra immagini e video) da...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media