Speciale SSD
Criminali informatici a caccia dei punti fedeltà

Criminali informatici a caccia dei punti fedeltà

I programmi fedeltà con le rispettive carte sono molto apprezzati anche nel nostro Paese. Non stupisce quindi l'interesse dei cybercriminali nei dati dei detentori di tali carte fedeltà.

Pubblicato: 27/01/2017 16:35

di: Redazione BitCity

   

Le carte fedeltà con raccolta punti tramite cui l'emittente accorda sconti presso i più diversi negozi o premi tramite catalogo ai propri utenti sono da sempre oggetto di discussione. Seppure molti trovino sgradevole il fatto che si consenta oggettivamente a terzi di analizzare le proprie abitudini d'acquisto, specie se la carta fedeltà è impiegabile in più negozi, i più se ne dimenticano a fronte dei premi e/o dell'indubbio risparmio che deriva dalla raccolta punti.
G DATA ha analizzato alcune recenti campagne di phishing ai danni degli utenti di carte Payback in Germania, il cui obiettivo era proprio la raccolta dei dati personali dei detentori.
Come ammesso dalla stessa Payback, le email relative all'ultima campagna di phishing erano fatte davvero molto bene. A prima vista i messaggi appaiono legittimi, sebbene il mittente si sia firmato come "Payback.de Service" in luogo della firma ufficiale sulle comunicazioni Payback che si limita ad un "Payback Service" senza alcuna indicazione geografica.
Altra fonte che assicura credibilità al messaggio è che il destinatario indicato è corretto.Il nome menzionato corrisponde ai dati reali così come l'indirizzo email citato nella sezione "Il tuo account Payback". Salvo per alcune eccezioni le email analizzate presentano un layout identico ai messaggi originali di Payback. Sono davvero pochi e facilmente sorvolabili gli elementi che consentono all'utente di riconoscere che si tratta di un falso.

Gli indicatori della frode
  • Il dominio del mittente reale non corrisponde a quello del mittente presunto.
  • Il 15 ° anniversario di Payback Germania, promosso nei messaggi analizzati, è stato nel 2015. La "promozione anniversario" era scaduta da tempo al momento dell'invio della mail, Payback Germania esiste ormai da oltre 16 anni.
  • Il testo, accattivante ma generico, recita "clicca qui e raddoppia i tuoi punti". Una mail ufficiale avrebbe presentato una formulazione tipo: "Assicurati la chance di raddoppiare i tuoi punti" con un probabile collegamento alla landing page di un gioco a premi, non direttamente alla pagina per il login.
  • Il carattere attorno al pulsante su cui cliccare è differente rispetto al resto del testo della email.
  • Le URL collegate al pulsante non hanno nulla a che vedere con il programma Payback.
  • Spesso e volentieri le offerte stagionali promosse dai cybercriminali sono completamente fuori luogo, come nel caso di offerte estive inviate in pieno inverno o promozioni per anniversari già passati o ancora da venire.
I siti di phishing
Le email analizzate indirizzavano i destinatari a due differenti siti web. I domini sono stati scelti accuratamente per lo scopo prefissato e chi non vi presta attenzione cade facilmente nella trappola senza sospettare niente:

paybrack.pw
• paybaecks.pw

Al momento dell'analisi, entrambi i domini, ora offline, erano ospitati sullo stesso server presso la BlazingFast LLC, un servizio di hosting ubicato in Ucraina. Entrambi i siti web si presentavano esattamente identici al sito Payback.

Ultime News
Ultimi rumors su LG G6

Ultimi rumors su LG G6

I vertici di LG stanno ultimando i preparativi per la presentazione del loro nuovo top di gamma:...

Apple acquisisce RealFace per il riconoscimento facciale

Apple acquisisce RealFace per il riconoscimento facciale

Apple potrebbe aver acquisito la startup israeliana RealFace, specializzata in riconoscimento...

PlayStore, trovata app che diffonde virus

PlayStore, trovata app che diffonde virus

In PlayStore di Android è stata individuata una nuova app pericolosa che, imitando Adobe Flash...

Facebook contro il terrorismo grazie all'intelligenza artificiale

Facebook contro il terrorismo grazie all'intelligenza artificiale

Mark Zuckerberg, ha dichiarato che utilizzerà l'intelligenza artificiale per individuare storie...

Bimba di 7 anni scrive a Google per poter lavorare nella società

Bimba di 7 anni scrive a Google per poter lavorare nella società

Chloe Bridgewater, bimba inglese di 7 anni, ha inviato una lettera a Sundar Pichai, AD di Google,...

Anche su Facebook sarà possibile cercare lavoro

Anche su Facebook sarà possibile cercare lavoro

Facebook lancia il guanto di sfida a LinkedIn: il social network blu, infatti, renderà più facili...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media