APC
Cyberbullismo, l'11% dei giovani approva gli insulti sui social

Cyberbullismo, l'11% dei giovani approva gli insulti sui social

Una recente indagine rivela l'11% dei giovani approva insulti sui social e il 13% dichiara di aver insultato un personaggio famoso online.

Pubblicato: 06/02/2017 15:10

di: redazione social media

   

Una recente indagine sull’hate speech affidata da Generazioni Connesse a Skuola.net e all’Università degli Studi di Firenze, rivolta a ragazze e ragazzi, in particolare quelli tra i 14 e i 18 anni, rivela l'11% dei giovani approva insulti sui social e il 13% dichiara di aver insultato un personaggio famoso online.
Dalla ricerca si evince che il 40% degli intervistati dichiara di trascorrere online più di 5 ore al giorno. WhatsApp si conferma alm primo posto fra gli adolescenti (80,7%), seguito da Facebook (76,8%) e Instagram (62,1%).
Per quanto riguarda il controllo della veridicità delle notizie on line, il 14% degli intervistati dichiara di non controllare mai se una notizia sia vera o falsa.
Si tratta indubbiamente di un comportamento che, come sostengono i ricercatori, rende i ragazzi “facilmente preda di titoli sensazionalistici e bufale, che possono fomentare reazioni poco ragionate e forse guidate da sentimenti di rabbia e di odio”.
Non dimentichiamo inoltre quell'11% di giovani che dichiara di approvare insulti rivolti a personaggi famosi in virtù di una più generale “libertà di esprimere ciò che si pensa” e un 13% a cui è capitato di insultare un personaggio famoso online.
Stesso discorso per quanto riguarda i commenti pesanti rivolti ai coetanei dove si conferma l’effetto di disinibizione dello “schermo” nel facilitare comportamenti che probabilmente non verrebbero messi in atto così facilmente se si fosse di fronte all’altra persona.


Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Vodafone rende disponibile la rete mobile 4.5G a 800 Mbps

Vodafone rende disponibile la rete mobile 4.5G a 800 Mbps

Il servizio è già disponibile nelle città di Firenze e Palermo, fino a 800 Megabit al secondo e,...

Blue Whale, Telefono Azzurro: allarme, ma non allarmismo

Blue Whale, Telefono Azzurro: allarme, ma non allarmismo

Telefono Azzurro: "Italia terreno fertile, in crescita i casi di autolesionismo in adolescenza".

Arriva Samsung Wemogee, l'app per tornare a comunicare attraverso le immagini

Arriva Samsung Wemogee, l'app per tornare a comunicare attraverso le immagini

Disponibile per dispositivi Android e iOS, la chat app basata su emoji risponde alle esigenze...

Facebook multata dall'Ue per informazioni fuorvianti riguardo acquisto Whatsapp

Facebook multata dall'Ue per informazioni fuorvianti riguardo acquisto Whatsapp

La Commissione europea ha inflitto un'ammenda di 110 milioni di euro a Facebook per aver fornito...

Media audiovisivi: norme più chiare per proteggere i minori

Media audiovisivi: norme più chiare per proteggere i minori

Protezione dei bambini da violenza e odio. La nuova direttiva include piattaforme online.

Ue: i video on demand disponibili anche all’estero

Ue: i video on demand disponibili anche all’estero

Una nuova legge approvata dal Parlamento Europeo consente l'accesso agli abbonamenti online...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media