i Cyberbullismo, l'11% dei giovani approva gli insulti sui social | BitCity.it
APC
Cyberbullismo, l'11% dei giovani approva gli insulti sui social

Cyberbullismo, l'11% dei giovani approva gli insulti sui social

Una recente indagine rivela l'11% dei giovani approva insulti sui social e il 13% dichiara di aver insultato un personaggio famoso online.

Pubblicato: 06/02/2017 15:10

di: redazione social media

   

Una recente indagine sull’hate speech affidata da Generazioni Connesse a Skuola.net e all’Università degli Studi di Firenze, rivolta a ragazze e ragazzi, in particolare quelli tra i 14 e i 18 anni, rivela l'11% dei giovani approva insulti sui social e il 13% dichiara di aver insultato un personaggio famoso online.
Dalla ricerca si evince che il 40% degli intervistati dichiara di trascorrere online più di 5 ore al giorno. WhatsApp si conferma alm primo posto fra gli adolescenti (80,7%), seguito da Facebook (76,8%) e Instagram (62,1%).
Per quanto riguarda il controllo della veridicità delle notizie on line, il 14% degli intervistati dichiara di non controllare mai se una notizia sia vera o falsa.
Si tratta indubbiamente di un comportamento che, come sostengono i ricercatori, rende i ragazzi “facilmente preda di titoli sensazionalistici e bufale, che possono fomentare reazioni poco ragionate e forse guidate da sentimenti di rabbia e di odio”.
Non dimentichiamo inoltre quell'11% di giovani che dichiara di approvare insulti rivolti a personaggi famosi in virtù di una più generale “libertà di esprimere ciò che si pensa” e un 13% a cui è capitato di insultare un personaggio famoso online.
Stesso discorso per quanto riguarda i commenti pesanti rivolti ai coetanei dove si conferma l’effetto di disinibizione dello “schermo” nel facilitare comportamenti che probabilmente non verrebbero messi in atto così facilmente se si fosse di fronte all’altra persona.


Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

FormBook è un software per furti di dati e un intercettatore di dati in form, pubblicizzato su...

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Quest’anno Lenovo e Motorola portano al Festival esperienze ricche di innovazione, dal gaming al...

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Bixby 2.0 sarà aperto agli sviluppatori in modo da integrare l'assistente vocale in altri...

 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Cefriel: in un attacco di

Cefriel: in un attacco di "phishing"fino al 60% degli utenti "abbocca"

In media a un hacker bastano tre mail per ottenere un click sul link potenzialmente malevolo...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media