APC
Per accedere a WhatsApp sarà richiesto un secondo codice

Per accedere a WhatsApp sarà richiesto un secondo codice

E’ in arrivo la funzione che richiede un secondo codice per accedere a WhatsApp. Ciò consentirà di utilizzare l'app in modo più sicuro.

Pubblicato: 10/02/2017 14:30

di: redazione smartphone e app

   

E’ in arrivo la funzione che richiede un secondo codice per accedere a WhatsApp.
Il meccanismo già adottato da altre piattaforme, da Google a Twitter, deve essere attivato dall'utente attraverso il menu “impostazioni”, quindi "Account", "Verifica a due fattori" e selezionare la voce "Abilita".
La verifica a due fattori aiuterà a entrare su WhatsApp in modo più sicuro.
La nuova funzione richiederà un secondo metodo di autenticazione per accedere ai servizi online, per esempio un codice inviato per SMS in aggiunta alla password.
La doppia autenticazione comincerà a essere disponibile gradualmente anche per gli utilizzatori della chat di proprietà di Facebook, per gli utenti di iPhone e di dispositivi Android e Windows, per un totale di oltre 1 miliardo e 200 milioni di utenti.
Su WhatsApp la doppia autenticazione avverrà attraverso due fasi: la prima consiste nel consueto accesso all'applicazione dal proprio smartphone, la seconda è costituita da un codice di 6 cifre che gli utenti creeranno non appena abiliteranno la funzione.
Questo codice verrà richiesto una volta a settimana per accedere alla chat.

Ultime News
Vodafone rende disponibile la rete mobile 4.5G a 800 Mbps

Vodafone rende disponibile la rete mobile 4.5G a 800 Mbps

Il servizio è già disponibile nelle città di Firenze e Palermo, fino a 800 Megabit al secondo e,...

Blue Whale, Telefono Azzurro: allarme, ma non allarmismo

Blue Whale, Telefono Azzurro: allarme, ma non allarmismo

Telefono Azzurro: "Italia terreno fertile, in crescita i casi di autolesionismo in adolescenza".

Arriva Samsung Wemogee, l'app per tornare a comunicare attraverso le immagini

Arriva Samsung Wemogee, l'app per tornare a comunicare attraverso le immagini

Disponibile per dispositivi Android e iOS, la chat app basata su emoji risponde alle esigenze...

Facebook multata dall'Ue per informazioni fuorvianti riguardo acquisto Whatsapp

Facebook multata dall'Ue per informazioni fuorvianti riguardo acquisto Whatsapp

La Commissione europea ha inflitto un'ammenda di 110 milioni di euro a Facebook per aver fornito...

Media audiovisivi: norme più chiare per proteggere i minori

Media audiovisivi: norme più chiare per proteggere i minori

Protezione dei bambini da violenza e odio. La nuova direttiva include piattaforme online.

Ue: i video on demand disponibili anche all’estero

Ue: i video on demand disponibili anche all’estero

Una nuova legge approvata dal Parlamento Europeo consente l'accesso agli abbonamenti online...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media