i I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione | BitCity.it
APC
I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

Secondo una recente ricerca, i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.

Pubblicato: 08/03/2017 11:05

di: redazione social media

   

Una recente analisi, apparsa sugli “Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze” (Pnas) rivela che i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.
Tale ricerca
costituisce un aggiornamento dell’ultimo studio del team di ricercatori del Laboratory of Computational Social Science (CssLab) all’Istituto di studi avanzati di Lucca e dell'Università di Roma La Sapienza, coordinati da Walter Quattrociocchi, che aveva analizzato le dinamiche di diffusione delle bufale complottiste, studiando il comportamento degli utenti attraverso condivisioni e commenti su Facebook.
Dallo studio si evince che il fenomeno della polarizzazione degli utenti sembra dominare il consumo di notizie su Facebook. In parole povere, gli utenti tendono a concentrarsi su un numero limitato di testate giornalistiche e fonti di notizie  di cui condividono valori e punti di vista. Per questo motivo si ha sempre meno occasione di modificare le proprie opinioni.
Un modo di fare che può trasformare i social network in un elemento di disinformazione, anche più di quanto non faccia la diffusione di bufale varie e notizie non verificate.
In questa maniera, i social network tendono a formare comunità segregate, rendendo la comunicazione sempre più personalizzata, sia nel modo in cui viene proposta, sia come viene condivisa attraverso i social network. Gli utenti, infatti, sono soliti concentrarsi su narrazioni specifiche e a riunirsi in determinati gruppi, al fine di rafforzare la propria visione del mondo.
Servendosi di metodi di analisi statistica, il team di scienziati è arrivato a queste conclusioni analizzando le interazioni di 376 milioni di utenti di Facebook con più di 900 agenzie di stampa (elencate nello European Media Monitor) nell’arco di circa 6 anni (tra gennaio 2010 e dicembre 2015).

Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Sicurezza informatica: ESET e Google insieme nella lotta ai malware

Sicurezza informatica: ESET e Google insieme nella lotta ai malware

Chrome Cleanup, la nuova soluzione di ESET incorporata in Google Chrome, consente una...

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

FormBook è un software per furti di dati e un intercettatore di dati in form, pubblicizzato su...

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Quest’anno Lenovo e Motorola portano al Festival esperienze ricche di innovazione, dal gaming al...

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Bixby 2.0 sarà aperto agli sviluppatori in modo da integrare l'assistente vocale in altri...

 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media