APC
I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

Secondo una recente ricerca, i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.

Pubblicato: 08/03/2017 11:05

di: redazione social media

   

Una recente analisi, apparsa sugli “Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze” (Pnas) rivela che i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.
Tale ricerca
costituisce un aggiornamento dell’ultimo studio del team di ricercatori del Laboratory of Computational Social Science (CssLab) all’Istituto di studi avanzati di Lucca e dell'Università di Roma La Sapienza, coordinati da Walter Quattrociocchi, che aveva analizzato le dinamiche di diffusione delle bufale complottiste, studiando il comportamento degli utenti attraverso condivisioni e commenti su Facebook.
Dallo studio si evince che il fenomeno della polarizzazione degli utenti sembra dominare il consumo di notizie su Facebook. In parole povere, gli utenti tendono a concentrarsi su un numero limitato di testate giornalistiche e fonti di notizie  di cui condividono valori e punti di vista. Per questo motivo si ha sempre meno occasione di modificare le proprie opinioni.
Un modo di fare che può trasformare i social network in un elemento di disinformazione, anche più di quanto non faccia la diffusione di bufale varie e notizie non verificate.
In questa maniera, i social network tendono a formare comunità segregate, rendendo la comunicazione sempre più personalizzata, sia nel modo in cui viene proposta, sia come viene condivisa attraverso i social network. Gli utenti, infatti, sono soliti concentrarsi su narrazioni specifiche e a riunirsi in determinati gruppi, al fine di rafforzare la propria visione del mondo.
Servendosi di metodi di analisi statistica, il team di scienziati è arrivato a queste conclusioni analizzando le interazioni di 376 milioni di utenti di Facebook con più di 900 agenzie di stampa (elencate nello European Media Monitor) nell’arco di circa 6 anni (tra gennaio 2010 e dicembre 2015).

Ti potrebbe anche interessare:
Ultime News
Anonymous: la NASA rivelerà l'esistenza degli alieni

Anonymous: la NASA rivelerà l'esistenza degli alieni

Anonymous ha diffuso un video in cui ipotizza che la Nasa stia per annunciare che sono state...

Fastweb estende la copertura a banda ultralarga fino a 200 Megabit in 19 nuove città

Fastweb estende la copertura a banda ultralarga fino a 200 Megabit in 19 nuove città

Navigazione sempre più veloce “indoor” e anche “outdoor” grazie al servizio WOW FI.

Sunsiit, l’ombrellone a portata di click

Sunsiit, l’ombrellone a portata di click

L’app consente tra l’altro di scegliere la fila in spiaggia, il numero di ombrelloni e anche...

Spotify arriva su Windows Store

Spotify arriva su Windows Store

Spotify approda su Windows Store, ma al momento solo nella versione desktop per PC.

YouTube, arrivano i video verticali

YouTube, arrivano i video verticali

YouTube ha rinnovato il player video con l’introduzione di un nuovo layout che si adatta in base...

WhatsApp, arriva il supporto per l'invio di ogni tipo di file

WhatsApp, arriva il supporto per l'invio di ogni tipo di file

Gli sviluppatori di WhatsApp hanno deciso di aggiungere il supporto all’invio di qualsiasi tipo...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media