APC
Telegram, arrivano le chiamate vocali cifrate

Telegram, arrivano le chiamate vocali cifrate

Grazie all’aggiornamento 3.18, anche Telegram ha introdotto le chiamate vocali. L’app cifra la chiamata in uscita con un sistema crittografico end-to-end.

Pubblicato: 31/03/2017 18:35

di: redazione smartphone e app

   

Grazie all’aggiornamento 3.18, anche Telegram ha introdotto le chiamate vocali.
Gli utenti europei possono già utilizzare l’app di messaggistica per telefonare ai propri contatti.  
Nello specifico, l’applicazione cifra la chiamata in uscita con un sistema crittografico end-to-end. Ciò significa che solo i due interlocutori possono ascoltare la comunicazione, con un rischio di intercettazione della comunicazione praticamente pari a zero.
Per verificare l’integrità della cifratura in corso, l’app mostra quattro emoji. Se i simboli sono gli stessi sul telefono del ricevente e su quello del mittente, la chiamata è sicura e la connessione non è stata compromessa.  
Telegram punta sulla qualità della chiamata. L’azienda analizza le chiamate effettuate tramite sistemi di Intelligenza Artificiale per incrociare i dati tecnici di utilizzo e capire come ottimizzare costantemente le comunicazioni in maniera dinamica.  
Sul blog ufficiale, è possibile leggere quanto segue: “Le chiamate di Telegram sono già superiori a qualsiasi altro concorrente su connessioni di qualità comparabile. Ma la qualità delle chiamate di Telegram migliorerà ulteriormente quanto più verranno usate, grazie al machine learning”.   
Chi non volesse ricevere chiamate su Telegram può scegliere di limitare l’opzione ai soli contatti conosciuti, oppure disattivarla del tutto seguendo questi semplici passaggi: Impostazioni > Privacy e Sicurezza > Chiamate vocali).
Chi invece fosse preoccupato di consumare troppi dati può limitare manualmente la qualità della chiamata (Impostazioni > Dati e Archivio > Chiamate vocali).   
La versione 3.18 di Telegram ha introdotto infine una nuova funzionalità che permette di selezionare manualmente l’intensità della compressione di un video prima dell’invio. L’app offre anche un’anteprima del filmato che lo mostra esattamente come lo vedrà il ricevente.

Ultime News
McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

Secondo un'indagine, McAfee rivela che il 20% degli intervistati acquisterebbe intenzionalmente...

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Nel 2014 il 37% dei siti web per acquisti o prenotazioni online violava i diritti dei consumatori...

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Il vocabolario della lingua italiana ha compiuto 100 anni.

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Dai televisori ai frigoriferi, passando per lavatrici, forni e piccoli elettrodomestici, sono più...

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

9 italiani su 10 scelgono auguri digitali, semplicemente perché gli auguri tramite cellulare sono...

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

L’utente tipo è un maschio dai 18 ai 44 anni, attivo per lo più nelle ore serali tramite...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media