APC
I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri, essere stati sottoposti a temperature di -67°C ed essere precipitati di nuovo a terra a più di 400 chilometri orari.

Pubblicato: 24/05/2017 15:00

di: Redazione BitCity

   

I tablet e dispositivi handheld rugged Panasonic Toughpad sono noti per la loro resistenza, e nel test più estremo compiuto finora due di questi dispositivi sono sopravvissuti addirittura a un lancio nello spazio. Appesi a un pallone sonda e circondati da videocamere per filmare il loro viaggio, il palmare Toughpad FZ-N1 e il tablet Toughpad FZ-G1 sono stati mandati, durante due voli separati, a 34.000 metri nello spazio. I dispositivi sono sopravvissuti a temperature di -67°C prima che il pallone esplodesse e li facesse precipitare a terra a una velocità di 400 km/h.
“Eravamo consapevoli della resistenza dei nostri dispositivi, ma nemmeno i nostri tecnici erano sicuri che i Toughpad sarebbero sopravvissuti a un test così estremo,” spiega Jon Tucker, European Product Manager di Panasonic Computer Product Solutions.
“Hanno raggiunto la stratosfera, superato di 3 volte la normale altezza di volo di un jet e oltrepassato ampiamente la linea di Armstrong – dove l’uomo non può sopravvivere senza tute pressurizzate – e sono poi sopravvissuti all’impatto della caduta a terra. A parte un paio di colpi e graffi, entrambi i dispositivi erano in perfette condizioni e stavano ancora registrando”.
Il lancio dei Toughpad Panasonic è stato seguito da Sentintospace, un’azienda specializzata nel mandare oggetti nello spazio e nel filmare il tutto. Il team Sentintospace si è occupato di preparare il pallone sonda e il carico, calcolare la traiettoria di volo, intrattenere i rapporti con la Civil Aviation Authority per le autorizzazioni e infine di tracciare e recuperare il carico una volta precipitato a terra.
“Mandare i tablet Toughpad nello spazio è stata la nostra più grande sfida,” racconta Chris Rose di Sentintospace. “Quando il pallone esplode, i carichi precipitano a terra dando vita a immagini spettacolari. Non avevo creduto neanche per un momento che i Toughpad sarebbero sopravvissuti alle condizioni estreme della stratosfera, ma questi dispositivi sono stati indubbiamente all’altezza della loro fama”.

Ultime News
Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

L'Autorita garante per la concorrenza e il mercato ha inflitto la sanzione per inottemperanza a...

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook supporta tutti i formati di ebook disponibili in commercio su qualsiasi piattaforma.

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

La nuova penna digitale con punta fine assicura una maggiore compatibilità con molteplici...

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni diffusi dall’Agcom nel terzo trimestre le...

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

Sotto la lente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato gli aggiornamenti software...

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media