APC
WhatsApp, dal 30 giugno stop sui vecchi BlackBerry e Nokia

WhatsApp, dal 30 giugno stop sui vecchi BlackBerry e Nokia

A partire dal prossimo mese di luglio, Nokia S40, Symbian S60 e la maggior parte dei dispositivi BlackBerry non supporteranno più WhatsApp.

Pubblicato: 13/06/2017 18:45

di: redazione smartphone e app

   

Da inizio anno, WhatsApp non funziona più sui dispositivi Android 2.1 e 2.2, così come i dispositivi Windows Phone 7.1, mentre, a partire dal prossimo  mese di luglio, il supporto termina anche per Nokia S40, Symbian S60 e sulla maggior parte dei dispositivi BlackBerry, anche quelli che eseguono l'ultima versione del sistema operativo mobile dell'azienda.
L'azione era stata annunciata dall'azienda il 26 febbraio scorso, in occasione dei sette anni compiuti dal servizio: "All'inizio di questa settimana WhatsApp ha compiuto sette anni. È stato un viaggio sorprendente e nei prossimi mesi metteremo ancora più enfasi sulle funzioni di sicurezza e su ulteriori modi per rimanere in contatto con le persone che vi stanno a cuore. Ma gli anniversari sono anche l'occasione per guardare al passato. Quando abbiamo iniziato WhatsApp nel 2009, l'uso dei dispositivi mobili era molto diverso da quello di oggi. L'App Store di Apple aveva solo pochi mesi di vita. Circa il 70 per cento degli smartphone venduti all'epoca aveva i sistemi operativi offerti da BlackBerry e Nokia. I sistemi operativi mobili offerti da Google, Apple e Microsoft - che rappresentano il 99,5% delle vendite odierne - erano allora presenti su meno del 25% dei dispositivi mobili venduti. Se guardiamo avanti per i nostri prossimi sette anni, vogliamo concentrare i nostri sforzi sulle piattaforme mobili che la stragrande maggioranza delle persone usano. Così, entro la fine del 2016, ci sarà la fine del supporto per WhatsApp Messenger sulle seguenti piattaforme mobili: - BlackBerry, tra cui BlackBerry 10 - Nokia S40 - Nokia Symbian S60 - Android 2.1 e Android 2.2 - Windows Phone 7.1. Mentre questi dispositivi mobili sono stati una parte importante della nostra storia, non offrono il tipo di funzionalità di cui abbiamo bisogno per espandere l'applicazione in futuro. Questa è stata una decisione difficile per noi da prendere, ma è quella giusta, al fine di dare alla gente modi migliori per tenersi in contatto con amici, familiari e persone care con WhatsApp".
Per poter continuare ad utilizzare l'applicazione di messaggistica istantanea occorre acquistare un nuovo Android, iPhone, o Windows Phone.
Il cambiamento riguarda tuttavia dispositivi utilizzati da una piccola quantità di utenti - nel caso di Android meno dell'1.5% di tutti i device Android attivi.
Quando WhatsApp è stato lanciato nel 2009, la quasi totalità degli smartphone in uso (70%) eseguivano la piattaforma BlackBerry o Nokia, mentre ora queste piattaforme sono diventate ormai obsolete e rimpiazzate da Android, iOS e Windows che oggi si trovano nel 99,5% dei telefoni intelligenti in uso.



Ultime News
Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

Whatsapp: dall'Antitrust sanzione da 50 mila euro

L'Autorita garante per la concorrenza e il mercato ha inflitto la sanzione per inottemperanza a...

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook Touch HD: leggere e ascoltare musica

PocketBook supporta tutti i formati di ebook disponibili in commercio su qualsiasi piattaforma.

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

Wacom Bamboo Tip, la nuova penna digitale per Android e iOS

La nuova penna digitale con punta fine assicura una maggiore compatibilità con molteplici...

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni diffusi dall’Agcom nel terzo trimestre le...

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

Sotto la lente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato gli aggiornamenti software...

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media