APC
Google Drive è la nuova meta dei pirati informatici

Google Drive è la nuova meta dei pirati informatici

Google Drive si rivela nuova meta per i pirati informatici, che possono così depositare e prelevare contenuti in barba ai diritti d'autore.

Pubblicato: 06/09/2017 11:15

di: redazione social media

   

A sorpresa, Google Drive si rivela nuova meta per i pirati informatici, che possono così depositare e prelevare contenuti in barba ai diritti d'autore.
E' ciò che si evince dalla massiccia richiesta di rimozione di contenuti arrivata da una serie di studi hollywoodiani e da altri legittimi detentori di copyright inviata al colosso di Mountain View.
In totale si parla di quasi 5mila richieste relative a file conservati proprio nel celebre servizio di memorizzazione cloud e riguardanti solo gli ultimi trenta giorni. 
Google Drive è dunque diventato un servizio di storage a cui si arriva da Pirate Bay, tanto che, ogni richiesta di rimozione spiccata in base al Dmca, il Digital Millennium Copyright Act (legge statunitense sul diritto d’autore), contiene una dozzina di file parcheggiati su Drive.
Filtri e difese di Big G sembrano essere pressochè inutili, visto che chi condivide materiali in quel modo camuffa i file.
Per esempio, spesso si tratta di link vuoti con un video YouTube incorporato. Si tratta frequentemente di documenti sciolti e non categorizzati, che poi vengono distribuiti tramite link diffusi nei forum, via Facebook o, appunto, su siti come Pirate Bay.
Servizi come DropBox o OneDrive o addirittura la piattaforma Mega di Kim Dotcom hanno fatto registrare poche centinaia di richieste di rimozione rispetto alle quasi 5mila di Google Drive.
Anche altri servizi sui quali non c’è alcun filtro, come My Maps, vengono utilizzati per condividere link a film, musica, software e altri contenuti.

Ultime News
McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

Secondo un'indagine, McAfee rivela che il 20% degli intervistati acquisterebbe intenzionalmente...

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Nel 2014 il 37% dei siti web per acquisti o prenotazioni online violava i diritti dei consumatori...

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Il vocabolario della lingua italiana ha compiuto 100 anni.

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Dai televisori ai frigoriferi, passando per lavatrici, forni e piccoli elettrodomestici, sono più...

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

9 italiani su 10 scelgono auguri digitali, semplicemente perché gli auguri tramite cellulare sono...

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

L’utente tipo è un maschio dai 18 ai 44 anni, attivo per lo più nelle ore serali tramite...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media