APC
Barracuda rileva in 24 ore circa 20 milioni di tentativi di attacco ransomware

Barracuda rileva in 24 ore circa 20 milioni di tentativi di attacco ransomware

Il ransomware usa tecniche di “impersonation” e minacce avanzate incorporate nell’email.

Pubblicato: 07/09/2017 11:20

di: Redazione BitCity.it

   

Alla fine di agosto, in sole 24 ore, il team di sicurezza di Barracuda ha osservato circa 20 milioni di tentativi di attacco ransomware tramite un allegato email chiamato “Payment_201708-6165.7z.”. 
Qui lo screenshot dell’email con l’indirizzo oscurato.
In questo attacco l’indirizzo mittente imita un indirizzo reale e nome e numero dell’allegato sono riportati sia nell’oggetto sia nel corpo del messaggio. 
In questo particolare esempio, l’oggetto completo è “Emailing: Payment_201708-6165” e il numero nel nome dell’allegato può variare.L’allegato è un file JavaScript compresso in un archivio 7zip che l’ATP Dynamic Analysis Layer di Barracuda identifica come un virus di tipo “file-encryption/ransomware”. 
Un attacco “file-encryption/ransomware” di questo genere comporta i seguenti passaggi: 

Consegna: l’allegato arriva nella casella di posta. E’ bene che questi attacchi siano bloccati prima che raggiungano la rete locale, operazione che può essere fatta con un servizio di sicurezza email come Barracuda Essentials for Email Security and Advanced Threat Detection. 
Infezione: come si intuisce dall’indirizzo email che imita un indirizzo legittimo, questo attacco si basa sul fingersi qualcun altro per guadagnare la fiducia del destinatario. Se il “trucco” riesce, è probabile che il destinatario apra il file allegato. A questo punto la minaccia viene eseguita, iniziando il processo di cifratura. 
Riscatto: una volta che l’attacco ransomware raggiunge una soglia predeterminata, comparirà un documento che richiede il pagamento di una somma in denaro per ricevere il file di decrittazione. A questo punto, la vittima ha poche opzioni: pagare il riscatto, ripristinare i file da un backup o cercare una chiave di decrittazione online su risorse come NoMoreRansom. Ed è sconsigliato di fare pagamenti ai criminali sia perché ciò non offre alcuna garanzia di decrittazione dei file sia perché li incoraggia a colpire di nuovo in futuro.

Ultime News
Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Rete mobile: Wind Tre si conferma leader di mercato, seguita da Tim e Vodafone

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Comunicazioni diffusi dall’Agcom nel terzo trimestre le...

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

L'Agcom avvia procedimenti nei confronti di Samsung e di Apple

Sotto la lente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato gli aggiornamenti software...

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

 Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

I tour sono aperti a chiunque abbia compiuto 6 anni, fino ad un massimo di 35 partecipanti per...

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

I saldi di inizio anno fanno registrare un aumento delle spese da parte degli italiani del 34%...

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

I consumatori europei potranno cogliere tutti i vantaggi dell'acquisto in rete di prodotti e...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media