APC
5G, Ericsson: il 78% degli operatori TLC già al lavoro su sperimentazioni nel 2017

5G, Ericsson: il 78% degli operatori TLC già al lavoro su sperimentazioni nel 2017

Tra i piani per monetizzare il 5G figurano la migrazione degli abbonati dal 4G al 5G e l’espansione verso i segmenti di mercato enterprise e industriale.

Pubblicato: 16/10/2017 17:00

di: Redazione BitCity.it

   

Ericsson ha pubblicato i risultati dell’edizione 2017 dell’indagine “5G Readiness”. Il report mostra come molti operatori abbiano accelerato le attività per l’adozione della nuova tecnologia, con il 78% degli intervistati che sta realizzando sperimentazioni in questo ambito. Inoltre, il 28% dei rispondenti afferma di essere pronto a implementare il 5G già dal prossimo anno.
Secondo quanto emerge dall’indagine, gli operatori hanno sviluppato ulteriormente le proprie strategie di business per la fornitura di servizi basati sul 5G. Attualmente, stanno guardando oltre il mercato consumer e prevedono opportunità anche nei segmenti enterprise e industriale.
Thomas Noren, Head of 5G Commercialization di Ericsson, ha commentato: “Nell’edizione 2016 di questa indagine, il 90% degli intervistati puntava alla clientela consumer quale target principale del proprio business plan dedicato al 5G. Quest’anno, abbiamo rilevato una ripartizione più uniforme tra i tre segmenti e gli operatori hanno individuato opportunità commerciali anche nel segmento degli utenti enterprise e tra le industrie specializzate.”
Lo studio mette in evidenza come gli operatori stiano appurando che il mercato consumer è prossimo alla saturazione. Di conseguenza, per il 2017 la pianificazione in ambito 5G è distribuita in maniera più bilanciata tra segmenti industriali verticali (58%), utenti business (56%) e consumatori (52%).
Tra i settori maggiormente attrattivi per le applicazioni 5G, gli intervistati hanno posto l’accento su media ed entertainmentautomotive e trasporto pubblico, indicando in molti casi anche healthcareenergia e utility. Una netta maggioranza dei rispondenti crede che l’Internet of Things giocherà un ruolo importante e che la collaborazione con terze parti sarà essenziale in questo contesto.
In termini di monetizzazione del 5G, gli intervistati ritengono che ricavi aggiuntivi saranno generati da un aumento della quota di mercato, dalla migrazione degli abbonati 4G, da prezzi più alti per i nuovi servizi e attraverso l’espansione verso nuovi segmenti enterprise e industriali.

Ultime News
McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

Secondo un'indagine, McAfee rivela che il 20% degli intervistati acquisterebbe intenzionalmente...

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Acquisti online: il Parlamento Ue rafforza la tutela dei consumatori

Nel 2014 il 37% dei siti web per acquisti o prenotazioni online violava i diritti dei consumatori...

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Esce Lo Zingarelli 2018 per iPhone e iPad

Il vocabolario della lingua italiana ha compiuto 100 anni.

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Su ePRICE fino al 23 novembre per un’ora al giorno 60 pezzi a 0,99 Euro

Dai televisori ai frigoriferi, passando per lavatrici, forni e piccoli elettrodomestici, sono più...

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

Natale 2017: per 8 italiani su 10 si vivrà sui social media

9 italiani su 10 scelgono auguri digitali, semplicemente perché gli auguri tramite cellulare sono...

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

Cresce l’attesa per il Black Friday e il Cyber Monday

L’utente tipo è un maschio dai 18 ai 44 anni, attivo per lo più nelle ore serali tramite...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media