APC
McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

McAfee: pericoli connessi sotto l'albero di Natale

Secondo un'indagine, McAfee rivela che il 20% degli intervistati acquisterebbe intenzionalmente un dispositivo a rischio hacker.

Pubblicato: 16/11/2017 12:10

di: Redazione BitCity.it

   

McAfee ha annunciato i risultati del terzo studio annuale Most Hackable Holiday Gifts che ha l’obiettivo di aiutare gli utenti a identificare i potenziali rischi per la sicurezza associati ai regali più popolari in vista delle festività natalizie. Computer portatili, tablet e smartphone sono in cima alla lista, seguiti da droni, palmari, giochi e dispositivi connessi. Inoltre, McAfee ha condotto un sondaggio per identificare le abitudini e i comportamenti dei consumatori mentre si preparano per la stagione dello shopping natalizio.
La maggior parte degli utenti è d'accordo nel ritenere la sicurezza una necessità per laptop, tablet e smartphone (69%). Tuttavia, solo il 22% ritiene che per i giocattoli connessi siano necessarie misure di sicurezza, il 29% ritiene che i droni debbano essere protetti e il 56% considera che lo debbano essere anche i palmari.
“Continuiamo a vedere i dispositivi connessi ai primi posti nelle liste dei desideri di Natale, ma è evidente che gli utenti non sempre sono consapevoli dell'importanza di proteggere i dispositivi ogni volta che si connettono e all'interno dei prodotti stessi", ha dichiarato Gary Davis, chief consumer security evangelist di McAfee“Il più delle volte, semplicemente non sanno che i loro dispositivi devono essere protetti o non sanno come proteggerli. Tali lacune possono essere sfruttate dai criminali informatici per penetrare nei dispositivi e sottrarre le informazioni personali".
Quasi tutti gli intervistati (91%) affermano di sapere che è importante mantenere la propria identità e i propri dispositivi connessi al sicuro, ma solo il 53% adotta le misure necessarie per la protezione. Il 16% è convinto che il produttore abbia integrato la sicurezza nel prodotto, e un altro 22% sa di dover adottare precauzioni di sicurezza, ma non sa come farlo. Proprio per questo è importante che loro stessi conducano ricerche sulle impostazioni di sicurezza integrate di un dispositivo, piuttosto che affidarsi esclusivamente ai produttori per proteggere adeguatamente i propri dispositivi e dati. 

I regali a maggior rischio hacker di quest'anno includono:
  1. Notebook/Smartphone/Tablet- I notebook, gli smartphone e i tablet sono obiettivi tradizionali dei criminali informatici e, se non adeguatamente protetti, possono essere infettati da applicazioni dannose.
  2. Droni- Le vendite di droni dovrebbero raggiungere il miliardo di dollari nel 2017, ma la sicurezza è ancora lontana. Chi desidera acquistarli deve essere consapevole dei rischi associati al dirottamento dei droni e ai falsi segnali Wi-Fi provenienti da droni compromessi.
  3. Palmari(PDA) – Questa sorta di ‘assistenti’ basati su dispositivo possono aiutare a ordinare articoli per la casa, riprodurre musica, fornire risposte a domande e molto altro ancora. Tuttavia, con i microfoni che sono sempre attivi per un comando di sveglia, e le videocamere in dotazione su molti dispositivi è essenziale comprendere le implicazioni sulla privacy.
  4. Giocattoli connessi– Se i giochi continuano a diventare sempre più intelligenti, anche i criminali informatici purtroppo non sono da meno. Per molti produttori, la sicurezza è un elemento secondario e i giocattoli restano vulnerabili agli attacchi nel caso gli hacker prendano di mira microfoni integrati e servizi basati sulla localizzazione.
  5. Apparecchi connessi- Un elettrodomestico intelligente può semplificare la vita quotidiana, ma è bene essere consapevoli che questi dispositivi potrebbero essere utilizzati come pedine in unattacco online o per carpire informazioni personali o sulla propria abitazione.

Ultime News
Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

A novembre l’Italia peggiora e scala dieci posizioni nella classifica mondiale dei paesi più...

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

I cybercriminali hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e...

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Sindaco Sala: "Sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le...

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

Le integrazioni con l'app di Apple TV, Remote e universal research di Siri renderanno davvero...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media