GlossarioNewsletterOsservatorio

 

Regole certe

La sempre più frequente contrapposizione fra interessi degli utenti e quelli dei provider, elemento che coinvolge anche il VoIP, sta rendendo necessaria, ecodno alcuni, la presa di posizione dei Governi nella defizione di norme precise.

Stanno diventando sempre maggiori le attese di una regolamentazione precisa sul VoIP, anche per impedirne eventuali limitazioni arbitrarie.
Da anni infatti ci sono da un lato le aspettative degli utenti, e dall'altro i guadagni delle compagnie Tlc, e, in questo scenario che vede contrapposti non solamente gli interessi di diverse parti, ma anche strategie di mercato e modelli di business, molti chiedono la definizione di regole certe.
Per esempio è recente  l'annuncio di Vodafone sulle limitazioni del VoiP e del peer to peer in alcune fasce orarie, ma si è arrivati anche a AT&T che ha scritto alla Fcc (Federal Communications Commission) chiedendo maggiore chiarezza nei regolamenti di queste attività. La controparte in realtà è Google con il suo servizio Google Voice che è accusato da AT&T di violare il concetto di Net Neutrality per avere dei vantaggi competitivi.
É chiaro che gli interessi in gioco sono molto alti, e, secondo gli analisti si sta avvicinando sempre più il momento in cui la soluzione dovrà essere dettata dalla politica, con delle leggi specifiche, più che dal mercato.
In questo contesto è molto importante il recente schieramento ufficiale dell'Fcc per la Net Neutrality, con la definizione di regole certe per evitare che ci siano limitazioni dei provider. Che si tratti di un passo importante è confermato anche dalle resistenza di alcune aziende all'estensione delle future norme anche al mercato mobile.
Questo non significa certo che da domani il VoIP avrà improvvisamente vita facile ovunque, ma di certo però il problema non potrà più essere evitato e eventuali limitazioni del VoIP difficilmente potranno passare sotto silenzio come è accaduto talvolta in passato. Questo ovviamente in attesa anche che la Comunità Europea definisca la normativa a cui sta lavorando.

30/09/2009 08:25

 



 
 
 
 
BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.