Homepage > Notizia

L'azienda francese Boiron minaccia di denunciare blogger italiano

Boiron, produttrice di prodotti omeopatici, non ha gradito due opinioni di un blogger italiano nei confronti dell'azienda e dei suoi prodotti.

Autore: Redazione IT Tech & Social

Pubblicato il: 05/08/2011

L'azienda francese esperta in medicina omeopatica Boiron, non ha preso molto bene il post di un blogger italiano in cui veniva, secondo il punto di vista dell'azienda, diffamata la pratica dell'omeopatia e i propri prodotti.
Boiron avrebbe scritto, quindi, al provider che ospita il blog per chiedere la rimozione dei post incriminati e che venga bloccato l'accesso al blog al suo autore.
Qualora il provider non assecondasse le richieste, l'azienda ha già  fatto sapere che intraprenderà  le vie legali per tutelare e far valere i propri diritti.
Nella lettera scritta da Boiron si legge che il provider è "responsabile del controllo sul contenuto dei medesimi ed è, dunque, corresponsabile sia sotto il profilo penale che civile della diffamazione ancora in corso".
Nello specifico l'azienda francese ritiene diffamatori e lesivi della propria immagine due articoli in cui si parla dell'omeopatia e delle sue basi scientifiche. In uno degli articoli viene chiaramente nominato uno dei prodotti a marchio Boiron con tanto di fotografia: l'Oscillococcinum, nella cui didascalia si legge "il Nulla più totale che secondo la Boiron cura l'influenza...diluito 200k non contiene alcuna molecola di principio attivo", mentre nell'altro articolo si legge "Nuoce gravemente all'intelligenza (di chi lo acquista!"), facendo chiaro riferimento all'azienda francese.
Non è stata tanto la tesi anti omeopatica quindi a dare fastidio a Boiron, quanto i riferimenti diretti al nome dell'azienda.
Al momento il provider si è solo limitato a invitare Samuele Riva, titolare del blog incriminato, a rimuovere i post in questione.



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: