Homepage > Notizia

Usa, 20 anni di carcere ad un hacker

Albert Gonzalez, un hacker 28enne di Miami, è stato condannato a 20 anni di carcere per aver rubato 40 milioni di carte di pagamento. Una condanna che attacca direttamente l'attività  dei cybercriminali.

Autore: Redazione D.Life

Pubblicato il: 26/03/2010

20 anni di carcere: non una ammenda pecuniaria, non qualche mese o anno, ma una condanna a 20 anni di reclusione, che certamente getteranno nel panico i cybercriminali di mezzo mondo.
Questo è quanto capitato a Albert Gonzalez, 28enne di Miami.
L'uomo, dopo aver dichiarato di aver gestito uno dei maggiori giri di pirateria a livello globale, per l'esattezza un traffico di oltre 40 milioni di numeri di carte di pagamento, rubate a negozi come Wholesale Club, Tjx Cos e Barnes & Noble, si è imbattuto in un giudice che ha preso seriamente in considerazione le sue colpe, decidendo di infliggere una condanna esemplare.
A dire il vero, Gonzalez ha rischiato di essere condannato a 25 anni di carcere, ma si è appellato ad una sorta di dipendenza da computer, per attenuare le sue colpe, visto che giustificare in toto il suo operato non era verosimilmente possibile.
L'uomo ha affermato, infatti, di essere stato dipendente dai computer sin da bambino, di aver abusato di alcol e droghe di soffrire della sindrome di Asperger, una forma di autismo: a suo dire, i crimini avrebbero assunto questa entità  a causa della sua "incapacità  a fermare la curiosità  e la dipendenza".
La condanna però non è detto resti ferma a 20 anni di carcere: un altro magistrato dovrà  giudicare un'altra serie di colpe imputate a Gonzales, per le quali l'hacker si è dichiarato colpevole, cioè il furto di decine di milioni di numeri di carte di credito di società  come 7-Eleven Inc, Heartland Payment Systems e Hannaford.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: