Homepage > Notizia

Apple sotto inchiesta in Europa: scorretta l'esclusione di Flash?

Potrebbe essere illegale la campagna anti-Flash di Apple: l'esclusione del software dalle piattaforme di Cupertino potrebbe aver alterato gli equilibri di mercato. L'Antitrust Europeo - con la FTC in Usa - indaga.

Autore: Andrea Sala

Pubblicato il: 10/08/2010

Le autorità  Antitrust europee avrebbe cominciato delle indagini per appurare una potenziale pratica commerciale scorretta da parte di Apple, pratica che avrebbe creato degli squilibri nel mercato del software.
Ovviamente stiamo parlando della ben nota esclusione di Adobe Flash su iPhone, iPad e compagnia.
Ebbene, il New York Post rivela che la UE avrebbe deciso di vederci chiaro: l'organo europeo preposto, inoltre, avrebbe già  preso contatti con la sua controparte a stelle e strisce, la Federal Trade Commission, già  impegnata a investigare sul caso dallo scorso giugno. In particolare, sotto la lente delle autorità  sarebbe l'esclusione di Flash dall'ecosistema iPhone, App comprese.
Proprio quest'ultimo aspetto è quello che più insopettisce le autorità : escludere Flash, infatti, taglia fuori anche i tool di sviluppo di Adobe e, forse, questa pratica limita la libera concorrenza.
L'inchiesta, rivela il NYP, potrebbe durare da 4 a 6 mesi. L'indiscrezione - perchà© per ora si tratta solo di questo - è stata passata al giornale da una fonte anonima. 
La notizia, se vera, non stupisce: la grande diffusione di device con la mela in qualche modo attira l'attenzione di chi intende regolamentare il mercato IT, tanto più se il CEO dell'azienda sotto esame ha dichiarato apertamente di non gradire per nulla Flash, con dei toni non sempre pacati.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: