Homepage > Notizia

Usa, hacker rubano dati di 130 milioni di carte di credito

Colossale furto di dati personali negli Stati Uniti: un hacker ventottenne di Miami, con la collaborazione di due russi, ha sottratto i dati di 130 milioni di carte di credito entrando nei sistemi informativi di Heartland Payment System, 7-Eleven, Hannaford Brothers Co. e un'altra catena commerciale non rivelata.

Autore: Redazione D. Life

Pubblicato il: 18/08/2009


I dati di 130 milioni di carte di credito sono stati indebitamente sottratti da un esiguo gruppo di hacker negli Stati Uniti. Si tratta del più grande furto di dati personali mai scoperto.
Secondo quanto si apprende dalle indagini, del gruppo farebbero parte un ventottenne di Miami, Albert Gonzalez, e due russi non meglio identificati.
Il colossale furto sarebbe avvenuto penetrando nei sistemi informatici della Heartland Payment System, una delle maggiori società  di transazioni elettroniche americane, la 7-Eleven, una grande catena di negozi, la Hannaford Brothers Co. e un'altra catena commerciale non specificata. La maxi truffa sarebbe iniziata nell'ottobre 2006.
A tradire i malintenzionati, e a permettere il loro riconoscimento, il tentativo di rivendere i dati ottenuti ad altre persone
, che avrebbero materialmente potuto utilizzarli per sottrarre denaro ai legittimi proprietari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: