Homepage > Notizia

Ricerca, la privacy in cima ai pensieri degli internauti

Secondo una ricerca di Edelman, solo una piccola percentuale di utenti inglesi e americani sarebbe disposta a rinunciare alla privacy, pur di poter avere contenuti gratis sul web.

Autore: Redazione D.Life

Pubblicato il: 30/05/2010

"Toglietemi tutto, ma non la protezione dei miei dati personali": facendo il verso ad una nota pubblicità  di orologi, potrebbe suonare così il motto degli internauti inglesi e americani, secondo i risultati di una ricerca di Edelman.
In un momento in cui la questione privacy è nell'occhio del ciclone, diventando uno degli argomenti clou del dibattito mediatico, a seguito delle polemiche sulle impostazioni di Facebook e le immagini raccolte da Google per il servizio Street View, una ricerca ha cercato di mettere in luce quanto tale questione sia rilevante per il popolo del web.
Secondo i dati raccolti, solo il 13% degli utenti statunitensi e l'11% di quelli britannici sarebbe disposto a sacrificare la riservatezza dei suoi dati personali pur di avere forme di intrattenimento gratuito.
I contenuti gratis fanno gola, sì, ma pur di averli non si è disposti a rinunciare alla privacy, fondamentale per gli internauti.
Invece, la percentuale di coloro che, pur di non spendere niente, sono disposti a subirsi le inserzioni pubblicitarie è pari al 47% per gli statunitensi e al 44% per i britannici.
Pur di potere avere contenuti a costo zero, rispettivamente il 43 e il 35% degli intervistati sono invece disposti a rinunciare alla condivisione dei contenuti con gli amici.
Inferiore infine la percentuale di coloro che, pur di non pagare nulla per la fruizione dei contenuti, rinuncerebbero a scegliere il dispositivo attraverso cui utilizzare questi contenuti: tra il 20 e il 40%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: