Homepage > Notizia

UK: i dipendenti navigano, e le aziende ci rimettono

Una ricerca del sito MyJobGroup.co.uk stima in 14 miliardi di sterline il danno economico derivante dall'uso dei social network in azienda.

Autore: Irene Canziani

Pubblicato il: 09/08/2010

I dipendenti che passano ore della loro giornata lavorativa sui social network rappresentano un costo ingente per le aziende. Lo afferma una nuova ricerca condotta nel Regno Unito da MyJobGroup.co.uk, un portale di ricerca di lavoro.
Su un campione di 1000 lavoratori intervistati, circa il 6% (2 milioni) ha dichiarato di passare più di un'ora al giorno sui social media mentre è sul posto di lavoro: più di un ottavo del tempo complessivo passato un ufficio.
"I nostri risultati – spiega Lee Fayer, managing director di MyJobGroup - mostrano chiaramente che i britannici spendono sempre più tempo sui social network mentre sono al lavoro, un comportamento che, se non controllato, potrebbe avere ripercussioni negative sulla produttività  di molte aziende".
Un calcolo del sito stima che il danno economico derivante potrebbe aggirarsi intorno ai 14 miliardi di sterline (circa 16,8 miliardi di Euro).
Tra i portali preferiti figurano ancora una volta Facebook e Twitter. Più della metà  dei dipendenti (il 55%) ha confessato di accedere regolarmente al proprio profilo sui social network dal posto di lavoro, per aggiornarlo, aggiungere foto e chattare.
Ma la maggior parte degli intervistati ignora gli effetti negativi della propria condotta sull'azienda: solo il 14% ha infatti ammesso di essere meno produttivo in conseguenza di questa attività , e il 10% ha addirittura affermato che i social media aumenterebbero la produttività .
Per di più, un'ampia maggioranza (il 68%) mostra resistenza alla possibilità  di impedire l'accesso ai social network dai Pc aziendali, e reclama la possibilità  di navigarvi come un proprio diritto.
"Le aziende dovrebbero monitorare l'uso di questi siti nelle ore lavorative, ed assicurarsi che i dipendenti non abusino della loro libertà  di accesso alle piattaforme" è il consiglio di Fayer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: