Homepage > Notizia

Google, nanoparticelle magnetiche per la diagnosi del cancro

Google sta progettando particelle magnetiche in grado di scandagliare il corpo umano alla ricerca di cancro e altre malattie.

Autore: redazione social media

Pubblicato il: 30/10/2014

Google sta progettando particelle magnetiche in grado di scandagliare il corpo umano alla ricerca di cancro e altre malattie.
Nello specifico, le nanoparticelle, grandi meno di un millesimo di un globulo rosso, riuscirebbero a cercare e ad attaccarsi a cellule, proteine o altre molecole all’interno del corpo umano, e sarebbero monitorate con un dispositivo indossabile dotato di un magnete per attrarle e contarle.
Andrew Conrad, biologo molecolare e capo del team Life Sciences del laboratorio di ricerca Google X, ha spiegato che l’obiettivo è fornire un sistema di allerta precoce per le malattie in modo da intervenire con un trattamento più efficace, trasformando la medicina da reattiva a proattiva.
Le nano particelle potrebbero addirittura essere somministrate per via orale attraverso una pillola.
Una delle sfide è identificare dei rivestimenti che aiutino le particelle a legarsi a cellule specifiche, per esempio quelle tumorali. 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: