Homepage > Notizia

Fieg e Agcom contro Google

La Fieg si è schierata con l’Agcom e con Confindustria Radio Tv, per combattere il predominio di Google e rendere esplicito quello che finora risulta oscuro, superando il paradosso della Rete tra trasparenza dichiarata e opacità praticata da Big G.

Autore: redazione social media

Pubblicato il: 18/11/2014

La Fieg, rappresentante dei grandi editori italiani, si è schierata con l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, e con Confindustria Radio Tv, per combattere il predominio di Google
Nello specifico, l’obiettivo della Fieg è quello di “rendere esplicito quello che finora risulta oscuro, superando il paradosso della Rete tra trasparenza dichiarata e opacità praticata da Google”.
Big G e l’Agcom sono infatti contrapposte sull'obbligo di rendere pubblici i dati del fatturato pubblicitario realizzato in Italia.
La Fieg sostiene la piena legittimità dell’azione dell’Agcom volta "a rilevare la consistenza dell’intero mercato nazionale della pubblicità sul web, mercato di cui Google detiene una parte dominante".
Gli editori italiani non trovano infatti giusta la pretesa di Google di non essere inclusa tra i soggetti obbligati a comunicare i propri ricavi pubblicitari all’autorità di settore, sottraendosi così al rispetto delle regole poste dal legislatore nazionale e comunitario a tutela della concorrenza e a presidio del pluralismo informativo.
A inizio anno, l’Agcom ha condotto un’analisi sul funzionamento di internet secondo la quale Internet sta assumendo progressivamente maggiore rilievo e, in particolare, si colloca in terza posizione tra i mezzi più usati dagli utenti per tenersi informati, in quanto usato dal 42% delle persone che si interessano attivamente ai fatti di attualità, con una differenza di soli 3 punti percentuali dai quotidiani. Internet si configura inoltre come una fonte di primaria importanza soprattutto per la ricerca di notizie inerenti l'attualità internazionale e nazionale. Dal canto suo, Google rappresenta in Italia il sito più utilizzato per informarsi (21,5% degli utenti web), mentre Facebook si colloca al quinto posto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: