Homepage > Notizia

Usa, arriva Memex, lo 007 dei motori di ricerca

Il Darpa ha messo a punto un motore di ricerca in grado di scandagliare il "dark web". Il suo nome è Memex.

Autore: redazione social media

Pubblicato il: 10/02/2015

Il dipartimento per l'innovazione del ministero della Difesa americano (Darpa), ha messo a punto un motore di ricerca in grado di scandagliare il "dark web", ossia le pagine online più nascoste e inaccessibili ai motori di ricerca tradizionali.
Si stima che esse rappresentino il 90% del totale. A rivelare la notizia, un articolo pubblicato su “Scientific American”, secondo cui il software, il cui nome è Memex, sarebbe utilizzato dalle agenzie americane nelle indagini sui traffici di esseri umani.
Soltanto il 10% delle pagine online sarebbe dunque accessibile dai motori di ricerca tradizionali. Le restanti sarebbero formate da dati non strutturati, provenienti da dispositivi o sensori, collocati in pagine temporanee che scompaiono prima che possano essere rintracciate dai motori di ricerca, o da siti accessibili solo attraverso Tor, che crea un web "peer to peer" tra singoli computer invece che centralizzato in nodi.
Uno degli ideatori di Memex, Chris White, ha così spiegato: “Una cosa che Memex fa è analizzare gli annunci sessuali 'nascosti' e individuare da dove partono".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: