Homepage > Notizia

California, gli autisti di Uber inquadrati come dipendenti

La Commissione per il Lavoro della California ha dichiarato che gli autisti di Uber devono essere dipendenti e non imprenditori privati.

Autore: redazione social media

Pubblicato il: 18/06/2015

La Commissione per il Lavoro della California, accogliendo l’istanza di un'autista Uber, ha dichiarato che questi ultimi devono essere dipendenti e non imprenditori privati.
Dopo il blocco per vie giudiziarie di Uber, l’azienda di San Francisco subisce il colpo più duro proprio dal suo paese d’origine.
Contrariamente a quanto successo in Europa, in cui i principali avversari di Uber sono i tassisti, negli USA, ad attaccare l’azienda, sono gli stessi autisti, che lavorano grazie alla startup.   
Nello specifico, il ricorso è stato presentato da Barbara Ann Berwick, una autista di San Francisco a cui la Commissione ha concesso un risarcimento di circa 4mila dollari di spese sostenute.  
Le conseguenze potranno essere pesantissime, a cominciare dall’aumento esponenziale dei costi per la società, che dovrebbe accollarsi oltre allo stipendio fisso dei dipendenti anche le spese di manutenzione dei veicoli e l’assicurazione.   
Tale decisione potrebbe anche avere effetti sulla valutazione della compagnia (attualmente è di circa 40 miliardi di dollari) e di tutte le società che operano nella "sharing economy»", facendo incontrare domanda e offerta di servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: